27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Coronavirus, cimitero di Rivalta accoglierà le salme dei musulmani di altri Comuni

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’amministrazione comunale di Rivalta, in provincia di Torino, ha deciso di accogliere nel proprio cimitero comunale le salme dei cittadini musulmani provenienti da altri Comuni, raccogliendo così l’appello lanciato la scorsa settimana dalla Federazione regionale islamica del Piemonte, che ha chiesto alle istituzioni la possibilità, anche per i cittadini di origine musulmana, di trovare una degna sepoltura.
All’interno del cimitero sarà realizzata una piccola area da destinare all’inumazione di chi ancora non ha ricevuto adeguata sepoltura a causa dell’emergenza Coronavirus.

L’area è stata individuata nella porzione di cimitero già riservata all’inumazione dei non cristiani e verrà allestita in modo da permettere la sepoltura dei corpi con il volto rivolto verso la Mecca.

“Abbiamo subito accolto la sollecitazione che ci e’ arrivata dalla nostra consigliera comunale Sofia Zemmale di religione musulmana e dal presidente della Federazione regionale islamica del Piemonte – spiega il sindaco di Rivalta Nicola de Ruggiero – Rivalta è sempre stata terra di accoglienza e solidarietà, questo nostro gesto vuole rappresentare un ponte tra culture”.

Mustapha Hajraoui e Waid Alid Bouchnaf, referenti della Federazione regionale islamica del Piemonte, hanno accolto con soddisfazione l’iniziativa del Comune. “Molti nostri fratelli e sorelle stanno vivendo il drammatico problema della sepoltura delle salme dei musulmani, non essendo piu’ possibile il rimpatrio ai Paesi di origine, la carenza di spazi cimiteriali islamici sul territorio italiano, nonche’ le regole di polizia cimiteriale che vincolano la sepoltura ai residenti o deceduti nel territorio comunale”.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano