10.5 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

“Conte, sbagliato attaccare Meloni e Salvini senza contraddittorio”. Lo Russo scatena il dibattito nel Pd

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è scatenato un vero e proprio dibattito sul profilo social del capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Torino Stefano Lo Russo.
Casus belli il discorso a rete unificate del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha approfittato del microfono per attaccare l’opposizione, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, accusandoli di mentire sul caso Mes.

Stefano Lo Russo, pochi minuti dopo ha postato un suo commento: “So di dire una cosa non gradita a molti del mio partito ma se sei il Presidente del Consiglio in un momento così delicato non attacchi senza contraddittorio i capi della minoranza in una diretta TV convocata per parlare delle misure economiche per uscire dalla crisi. Anche se hai pienamente ragione e se sei arrabbiato per le balle che raccontano. Quello lo fai in Parlamento o, al limite, lo lasci fare ai partiti della maggioranza. Nel merito ha ragione, nel metodo meno. A ruoli invertiti non mi avrebbe fatto piacere”.

Da qui il dibattito in cui Lo Russo raccoglie molti consensi e non solo in fatto di “like”, qualche critica.
Insomma un bel confronto, su cui il rappresentate Dem torna oggi con un altro post:

“Torno, anche qui in maniera rischiosa nel mio partito (o forse incosciente, fate voi) sulla scelta di Conte di attaccare frontalmente Salvini e Meloni non in Parlamento ma durante la diretta tv che doveva spiegare le misure economiche in arrivo. Come ho avuto modo di esprimere ieri, condivido la sostanza e cosa è stato detto ma non la forma scelta dal premier, proprio perché è il Presidente del Consiglio e la fase è davvero molto delicata, sia sul piano interno che internazionale. A ruoli invertiti non mi avrebbe fatto piacere.
Oggi, leggendo i numerosi commenti e vedendo le prevedibili reazioni mi sorge una domanda, e cioè se questa scelta così dirompente rafforzi o indebolisca l’Italia nella delicatissima trattativa europea in corso. Perché poi, francamente, credo sia la cosa più importante da valutare. Punto controverso su cui ho molti dubbi”, conclude Lo Russo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano