15.5 C
Torino
sabato, 4 Luglio 2020

Confindustria, il No di Boccia all’aumento dell’Iva: “Piuttosto serve una riforma fiscale”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Quello che serve non è certo l’aumento dell’Iva. Parole del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, a Torino per l’assemblea dell’Unione Industriale.

«Per noi sarebbe il caso di non aumentare l’Iva – ha spiegato Boccia – è evidente che servirebbe una riforma fiscale che aiuti il mondo della produzione, lavoro e imprese». «Però per farla, per onestà intellettuale, occorre una manovra di medio termine che non si può fare in un anno, date le risorse che abbiamo», ha aggiunto Boccia.

- Advertisement -

Per quanto riguarda le affermazioni del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri sui possibili rincari all’Iva?

- Advertisement -

«Quello che dice il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, è una operazione di realismo. Naturalmente noi non condividiamo la questione dell’aumento Iva ma è corretto il concetto che non abbiamo grandi risorse e quindi è evidente che il ministro dell’Economia deve fare i conti con i saldi».

Continua Boccia: «L’importante a nostro avviso è che si faccia una operazione che parta da un concetto: prima definire gli effetti sull’economia reale che vogliamo realizzare, per esempio a nostro avviso incremento dell’occupazione e dei salari dei lavoratori italiani, e di conseguenza individuare i provvedimenti».

«Noi abbiamo tre questioni da affrontare come Paese: più crescita, meno debito e meno deficit. Questo comporta una strettoia nel nodo risorse e vanno usate al meglio per impattare sulla crescita e l’occupazione. Questo sarebbe il metodo che dovremmo usare nella logica di usare risorse non elevate per grandi impatti sul mondo dell’occupazione e chiaramente sulla crescita economica», conclude Boccia.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Coronavirus, una nuova ordinanza dalla Regione Piemonte

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio firmerà nelle prossime ore una nuova ordinanza. Dal 10 luglio sarà consentita...

‘Ndrangheta in Piemonte, Roberto Rosso ai domiciliari

Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari a Roberto Rosso, l'ex assessore regionale del Piemonte in carcere a Torino dal...

Caso Ogr, Cirio: “Per martedì un incontro, troveremo soluzione”

A seguito delle polemiche sulla rilocazione del Covid Hospital inserito all'interno delle Officine Grandi Riparazioni,oggi Il il presidente della Regione Piemonte, Alberto...

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l'intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che...

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei "violenti e facinorosi". Così è stato deciso da un provvedimento, definita...