16.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Cirio a fianco dei Sì Tav, ma non scende in piazza: “Rischio di strumentalizzazione politica”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’europarlamentare di Forza Italia e candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Piemonte ribadisce il suo Sì al Tav, anche se non scenderà domani mattina in piazza Vittorio Veneto a Torino per manifestare.

Cirio spiega i motivi di questa scelta: «Il rischio di una strumentalizzazione politica, e di trasformare una piazza che ha unito il Piemonte in una che si divide per bandiere e coalizioni, è troppo alto».

«Sono stato il primo – continua Cirio – a depositare a Bruxelles una petizione europea Sì Tav e a portare il presidente dell’Europarlamento Tajani in visita ai cantieri, la scorsa estate. Ho appoggiato tutti gli eventi organizzati finora e, se i bandi non fossero partiti, adesso probabilmente sarei incatenato a Chiomonte, al cantiere Torino-Lione».

Il candidato del centrodestra riconosce il lavoro fatto fino ad oggi dalle “madamin”, dal comitato “Sì Torino va avanti” e da Mino Giachino, fondatore dell’associazione “Sì Tav sì Lavoro”. «Grazie a voi – dice Cirio rivolgendosi direttamente a loro – la Tav ha valicato i confini geografici e sociali di TORINO e del Piemonte e oggi viene percepita, finalmente, come un’opera fondamentale e strategica per il futuro del nostro Paese. Io, questa volta, ho ritenuto più giusto non essere presente personalmente, ma ciò non significa che non sarò comunque al vostro fianco».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano