20.4 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Circo senza animali, approvata la legge. Lavolta: “Ora i Comuni facciano la loro parte”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di Giulia Zanotti

E’ arrivato l’ok definitivo del Parlamento alla legge delega per il riordino del settore spettacolo che tutela anche gli animali, stabilendo il graduale superamento della loro presenza nei circhi e negli spettacoli itineranti.
Una svolta importante e richiesta da più fronti, che però dovrà vedere ora la sua applicazione anche a livello territoriale. Per questo il consigliere comunale del Partito Democratico Enzo Lavolta ha depositato un’interpellanza in cui si chiede alla sindaca Chiara Appendino di prendere posizione sulla vicenda.
Infatti, Lavolta ricorda come dai banchi dell’opposizione Appendino si batteva per i diritti e la tutela degli animali, ma come da sindaca abbia autorizzato per il periodo di Natale 2016 il circo “Medrano” ad effettuare i suoi spettacoli, in cui erano presente anche animali. Inoltre anche per il Natale 2017 sarebbe già stato assegnato uno spazio al “Circo Bellucci” che impiega rettili, papagalli ed altri animali esotici. «Per il secondo anno consecutivo i buoni propositi e gli annunci dell’allora Consigliera comunale Chiara Appendino e dell’attuale Sindaca, nonché della sua maggioranza a trazione 5 Stelle, sono stati “chiaramente” traditi con buona pace delle numerose Associazioni animaliste che avevano confidato nel nuovo corso amministrativo e politico della Città» denuncia Lavolta, che aggiunge però come con la nuova legge Appendino non abbia più alibi.
«La legge votata tutela anche le amministrazioni che fino ad oggi non potevano opporsi alla presenza di animali negli spettacoli. In passato molte amministrazioni, compresa Torino, si sono trovate nell’imbarazzo di dover autorizzare loro malgrado manifestazioni circensi con l’impiego di animali».
«Chiedo alla sindaca e all’assessore competente – conclude Lavolta – se vogliano fare finalmente “chiarezza” sui reali orientamenti della Giunta, evitando l’ennesimo esercizio di equilibrismo e contorsionismo, che ormai denota ogni iniziativa adottata in evidente contrasto con i buoni propositi elettorali e programmatici».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano