26.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Cerutti (Lega): “Bene Carosso, giusto ripristinare il protocollo d’intesa con Poste Italiane”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È arrivata la risposta da parte del Vicegovernatore Carosso all’interrogazione del Consigliere Regionale della Lega Salvini Andrea Cerutti inerente l’ipotetica chiusura di alcuni uffici postali.

La Giunta regionale ha dichiarato di aver avviato un’interlocuzione con Poste Italiane per analizzare e risolvere le criticità che riguardano il territorio piemontese: lo ha annunciato l’assessore alla Montagna, Fabio Carosso.
«L’obiettivo principale» continua l’assessore Carosso «È quello di arrivare ad un protocollo di intesa che sostituisca quello appena scaduto e che, partendo dall’esame dell’esito quest’ultimo, offra nuovi servizi agli enti locali e ai cittadini, preveda che il piano razionalizzazione degli uffici postali venga concordato con la Regione e che vengano messi in cantiere dei progetti per migliorare la qualità dell’offerta di prestazioni offerte alla comunità».

Dichiara il Consigliere Regionale Cerutti: «I quattro uffici che Poste vorrebbe chiudere su Torino sono decentrati e periferici, al servizio di un numero cospicuo di residenti, i quali saranno costretti a raggiungere altri sportelli dislocati sul territorio, con il concreto rischio di aggravare l’operatività di quest’ultimi. I cittadini che più ne risentiranno saranno quelli della precollina (in particolare i 6.000 abitanti del Pilonetto) che non avranno a disposizione altri sportelli alernativi nelle immediate vicinanze. I tanti anziani si troveranno a dover percorrere lunghi tragitti, anche più di due km, per usufruire del servizio e i più penalizzati saranno coloro con difficoltà a spostarsi. Non dimentichiamoci, inoltre, il ruolo sociale svolto sul territorio dagli uffici postali con servizi come la pec, i passaporti, i permessi di soggiorno, il rilascio di certificati anagrafici, le visure catastali e molto altro».

Incalza il Consigliere Regionale Cerutti : «La preoccupazione è che tutto il Piemonte possa essere investito da questo trend di riduzione degli uffici postali di prossimità. Sarà un caso che con il nuovo governo nazionale giallo – rosso stiano tornando i tagli ai servizi essenziali e di prossimità?».

Conclude il Consigliere Cerutti: «Ritengo utile ed indispensabile il lavoro avviato dall’Assessore Carosso, chiederemo all’Assessore di venire quanto in commissione a relazione sul protocollo d’intesa che stilerà nel momento in cui partirà la collaborazione tra le parti e ci saranno novità in merito».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano