15.9 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Caso Ream, due dirigenti scrissero alla sindaca: “Non si può fare”. Ecco le lettere

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Coronavirus, Caucino rettifica i dati su Rsa. Grimaldi (LUV): “Come possiamo fidarci di questo dilettantismo?”

"Ieri l'Assessora Caucino ha comunicato che i 3000 tamponi nelle RSA avevano dato 1300 risultati positivi, oggi, ha cambiato idea e, in base alla...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

di Andrea Doi

E’ con due lettere riservate inviate lo scorso aprile agli uffici della sindca Chiara Appendino che due dirigenti del Comune di Torino protestarono contro la decisione di non iscrivere a bilancio nel 2017 i cinque milioni di debito nei confronti di Ream, vicenda per la quale Appendino, assieme al suo capo di Gabinetto Paolo Giordana e l’assessore al Bilancio Sergio Rolando, sono da ieri indagati per falso ideologico in atto pubblico.
A quanto si apprende dai documenti dell’inchiesta, infatti, l’allora dirigente finanziario del comune Anna Tornoni e il collega dell’area bilancio Roberto Rosso avrebbero espresso le loro perplessità rispetto alle scelte dell’amministrazione avvertendo oltre alla sindaca, l’assessore Rolando, il presidente del Consiglio Comunale Fabio Versaci e il collegio dei Revisori dei conti. Nella lettera datata 27 aprile si afferma che il posticipo dei debiti verso Ream al 2018 “non sembra risolvere la problematicità sotto il profilo giuridico e contabile”. Piuttosto si spiegava come il debito fosse maturato già nel 2016 e quindi andava iscritto a bilancio e pagato “il prima possibile”.
Circa una settimana dopo, il 3 maggio, a ridosso dell’approvazione del Bilancio in Consiglio comunale, parte una seconda lettera con gli stessi destinatari e gli stessi mittenti. In questo caso i due dirigenti fanno riferimento al parare dei revisori dei conti specificando come “la palesata ipotesi della sussistenza di anche solo una situazione debitoria riconducibile all’art 194” faccia emergere “l’opportunità di procedere ad un modifica delle Previsione di Bilancio al fine di comprendere negli equilibri le predette poste”. E ancora i due dirigenti avvertono che “qualora il Consiglio comunale decisesse, comunque di approvare il Bilancio previsionale triennale senza procedere intal senso ci si potrebbe trovare nella situazione analizzata dalla delibera n 354/2013 della Corte dei Conti – Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, che fa esplicito riferimento alla situazioni previste dall’art. 243 bis del Tuel”. Ovvero il rischio del dissesto finanziario dei conti del Comune.

letteradirigenti1

lettera dirigenti2  letteradirigenti3 letteradirigenti4

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Codacons presenta esposto in Procura: “Sulle morti accertare le responsabilità e punire i colpevoli”

Sui morti da coronavirus registrati in Piemonte (1.378 fino ad oggi) il Codacons presenta oggi un esposto alle Procure della Repubblica di Torino, Asti,...

Burgio, tutta la verità sul Coronavirus

Il medico Ernesto Burgio in una intervista a Business Inside, si esprime su diversi punti della pandemia Coronavirus che ha colpito e sconvolto il...

Coronavirus, in Piemonte, salgono le guarigioni. 68 i decessi

Oggi pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che il numero complessivo di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test...

L’assessore Icardi: “Nessun caso Piemonte, la curva dei contagi è in calo”

Non c'è nessuno caso Piemonte. L'assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi mette a tacere le voci che volevano il Piemonte in peggioramento nei numeri...

Droni in volo a Torino per evitare le scampagnate di Pasquetta

Sopra i giardini e i parchi di Torino si alzeranno in volo i droni dei carabinieri e della polizia municipale. Obiettivo segnalare le scampagnate...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor