12.4 C
Torino
lunedì, 24 Giugno 2024

Carlotta Gilli, Guido Catalano ed Eugenio in via di gioia per la chiusura di campagna elettorale di Lo Russo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Susanna De Palma
Susanna De Palma
Laureata in Scienze Politiche. Giornalista professionista dal 2009. Fin dagli anni del liceo collabora con alcuni giornali locali torinesi, come la Voce del Popolo e Il Nostro Tempo. Dal 2005, pur mantenendo alcune collaborazioni, passa agli Uffici Stampa:Olimpiadi 2006, Giunta regionale, Ostensione della Sindone. Attualmente giornalista presso l'ufficio stampa del Consiglio regionale Piemonte.

Anche per la Cerimonia di chiusura della campagna elettorale, Stefano Lo Russo sceglie la formula utilizzata nel corso di queste settimane: l’ascolto.

“Siamo voluti tornare alle origini, girando per le strade, parlando con la gente. Oltre alle due sedie, ho portato con me anche una clessidra di 5 minut  e un quaderno su cui ho annotato le proposte della gente e che consulteró se diventerò sindaco e voglio farlo anche questa sera con gli ospiti che ci sono venuti a trovare in piazza”.

Sul palco con Lorusso, Carlotta Gilli, atleta olimpica e paralimpica, che in veste di ambasciatrice dello sport, ha chiesto che il nuovo sindaco presti maggiore attenzione verso tutte le discipline sportive: “Basta parlare solo di inclusione, è ora di applicarla. La prima cosa di cui Torino ha bisogno è il riordino delle strade, lo chiedo da cittadina, permettere a tutti di muoversi è la premessa per rendere vivibile la nostra città”.

Parla invece in versi Guido Catalano, poeta e scrittore, che dal suo libro “Ogni volta che mi baci muore un nazista” propone una lista di consigli per il candidato sindaco: “esagerare in gentilezza, esigere affetto e urlare il meno possibile, spegni il cellulare, esagerare con l’ascolto, perdonare, avere cura degli amici”.

Sara D’Amario, attrice e scrittrice di Fantasy, esordisce dicendo che ha piena fiducia in Lorusso come amico e politico onesto tenace e lucido e dunque  non chiederà nulla al candidato sindaco.

Di periferie si è poi parlato con Gipo di Napoli della BandaKadabra, conosciuto come sindaco di San Salvario.

“Non si possono trascurare le ricadute e benefici che il settore spaziale può avere sui territori e sull’ambiente”. Questo l’invio di Astro Giulia, studentessa di ingegneria aerospaziale, scrittrice e coordinatore nazionale della Moon Village Association con il sogno di diventare astronauta.

A chiudere la carrellata di ospiti per Lorusso, Eugenio degli Eugenio in via di gioia. “Per Torino e per la musica a Torino è importante che ci sia e si faccia rete, contest, concorsi che permettono di crescere e farsi conoscere. Di questo c’è bisogno, di riempire gli spazi e presidiare con la musica i luoghi. Vorrei che il nuovo sindaco fosse in grado di creare connessioni tra le diversi parti di Torino”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano