16.2 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Borgo San Dalmazzo, assolti i familiari della santona mummificata in attesa della resurrezione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Corte d’appello di Torino ha assolto “per non aver commesso il fatto” Aldo e Alfio Pepino, rispettivamente marito e figlio di Graziella Giraudo, la santona di Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo trovata mummificata il 27 ottobre 2013.

Gli imputati per 17 anni avevano tenuto in casa, il corpo, dopo averlo imbalsamato, della donna che veniva venerata come una santona.

Per Aldo e Alfio Pepino l’accusa era di occultamento di cadavere. Assolta anche Elda Allinio, sorella del genero della Giraudo, accusata di favoreggiamento.

Il procuratore generale Giancarlo Avenati Bassi, ha chiesto il non doversi procedere per prescrizione.

Il cadavere di Graziella Giraudo era stato trovato dai carabinieri, dopo che nessuno aveva visto la donna da giorni.

Della “santona” di Borgo San Dalmazzo, a cui si rivolgevano fedeli da tutta Italia, non si avevano notizie dalla fine degli anni ’90 e in molti credevano che fosse partita per un viaggio. Ritenuta una guaritrice, conduceva una vita riservata e in paese la si vedeva poco.

Il suo corpo, conservato e con la mano in segno di benedizione, era stato ritrovato in una stanza chiusa a chiave. Gli inquirenti avevano trovato anche un diario  in cui si ipotizzava la resurrezione della donna.

In primo grado, nel 2015, Aldo e Alfio Pepino erano stati condannati a un anno di reclusione ed Elda Allinio a 4 mesi. Gli altri familiari imputati, Valierio Allinio e Dianora Pepino, rispettivamente genero e nuora della donna, residenti nell’appartamento vicino all’alloggio in cui era stato rinvenuto il cadavere, avevano patteggiato la pena a un anno.

«Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza, ma per ora siamo molto soddisfatti – commenta l’avvocato Michele Forneris – È stata riconosciuta la natura istantanea del reato – aggiunge – cioè tutto quello che è successo dopo la morte della donna, è stato giudicato non rilevante».

 

 

 

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano