5.3 C
Torino
giovedì, 28 Ottobre 2021

Trasporto disabili, il bando di gara della città di Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Nicola Rossiello
Romano di nascita, fieramente “terrone” di origini e orgogliosamente torinese di adozione. Poliziotto di professione dal 1986 e da subito impegnato nel Sindacato di polizia. Oggi faccio il Segretario Generale del SILP CGIL Piemonte.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la gara d’appalto per l’affidamento dei servizi di trasporto e di accompagnamento rivolti alle persone con disabilità: bambini, studenti e adulti.

La gara è suddivisa in 9 lotti, 7 dei quali riguardano il trasporto che sarà gestito dalla Divisione Servizi educativi. Un lotto è dedicato al servizio di accompagnamento, finalizzato a reperire educatori esperti sulla disabilità in fascia scolare che accompagneranno gli studenti sui mezzi. 

Un altro lotto, invece, riguarda il servizio di trasporto collettivo a prenotazione, non scolastico, per persone adulte diversamente abili su carrozzella da effettuarsi con minibus attrezzati che sarà gestito alla Divisione Infrastrutture e mobilità.

La Città ha un ruolo attivo nella promozione dei diritti delle persone con disabilità e concorre, di concerto con altri soggetti pubblici e privati, ad assicurare a tutti i bambini e ragazzi l’esercizio del diritto allo studio, sia nell’ambito di quanto definito dalle norme di legge nazionale e regionale, sia attraverso servizi e progetti che rientrano nelle scelte strategiche dell’Amministrazione in relazione al contrasto alla dispersione scolastica.

In questo quadro, la Divisione Servizi Educativi fornisce il servizio di trasporto da casa alle strutture scolastiche di bambini e ragazzi con disabilità che frequentano la scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado. In quest’ultimo caso il servizio è erogato dal Comune di Torino, benchè la competenza sia in capo alla Città Metropolitana.

Sono molteplici gli elementi di innovazione introdotti nella gara con l’obiettivo di aumentare qualità ed efficienza del servizio e di ampliare l’offerta degli operatori economici, rendendo l’appalto maggiormente attrattivo sul mercato.

I principali assi di intervento sono:

  • aumento della base d’asta, con tariffe orarie riviste verso l’alto di circa il 20%; 
  • durata quinquennale dell’appalto, in luogo dei due anni dell’ultima gara, che consentirà agli operatori di avere una maggiore capacità di ammortamento per l’acquisto di mezzi nuovi; 
  • razionalizzazione dei requisiti tecnici di partecipazione, evitando che requisiti non essenziali limitino la possibilità di partecipare alla gara.

Un’altra importante novità riguarda l’individuazione della Società 5T s.r.l., società in house a partecipazione pubblica, quale affidataria del servizio di gestione amministrativa del trasporto, una decisione già adottata dalla Giunta Comunale il 20 aprile scorso.

I vantaggi di questa gara sono molteplici – spiegano le assessore Antonietta Di Martino e Maria Lapietra – e riguardano soprattutto le innovazioni introdotte per aumentare la qualità del trasporto ampliando, nel contempo, l’offerta degli operatori. Saranno sperimentate nuove tecnologie applicate alla mobilità, in grado di dare maggiore efficienza al servizio, aumentandone la qualità e l’accessibilità da parte di tutti i cittadini”. 

La Città fornisce gratuitamente il trasporto scolastico agli alunni con disabilità e agli allievi che devono usufruire di specifiche attività terapeutiche nell’arco dell’orario di funzionamento della scuola e alle bambine e ai bambini rom che vivono nelle aree di sosta autorizzate. 

Assicura il servizio – in questo caso a pagamento – a tutte le bimbe e i bimbi delle scuole dell’infanzia di strada Santa Margherita (Villa Genero) e di strada ai Ronchi (Cavoretto) dislocate in precollina. 

Infine, previa valutazione delle singole situazioni, è previsto il servizio di trasporto gratuito in alcuni casi: ristrutturazione delle scuole, grave disagio sociale, sedi di istituzioni scolastiche dell’obbligo sprovviste di strutture ginnico-sportive per consentire lo svolgimento dell’attività di educazione fisica.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano