15.9 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Torino, svastiche e celtiche contro la figlia di un partigiano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Coronavirus, Caucino rettifica i dati su Rsa. Grimaldi (LUV): “Come possiamo fidarci di questo dilettantismo?”

"Ieri l'Assessora Caucino ha comunicato che i 3000 tamponi nelle RSA avevano dato 1300 risultati positivi, oggi, ha cambiato idea e, in base alla...
Paolo Bogliano
Paolo Bogliano
Inizio nel 2001 come redattore presso News Italia Press oltre a scrivere articoli segue la rassegna stampa internazionale. Si trasferisce a Milano dove si forma come comunicatore all'interno dell'organizzazione di eventi e customer care.

Ancora intimidazioni di stampo nazista. A farne le spese questa volta è stata la figlia di un partigiano e attivista dell’ANPI del quartiere Vanchiglia, la quale si è trovata affissa, vicino al proprio campanello, la scritta in tedesco “Sieg heil rauss guth” affiancata da una svastica ed una croce celtica.

La vittima si è subito rivolta alla Digos di Torino, che già indaga sulle scritte apparse nei giorni scorsi. A Mondovì sulla porta di casa di una deportata, “Juden hier”, e a Torino in corso Casale “Muori sporca ebrea” nei confronti di una figlia di partigiani di origine ebraica.

In Piemonte è già il terzo caso in poco tempo. Ciò che si può notare in quest’ultimo attacco, sono i simboli utilizzati, infatti nella parola “Rauss” la lettera u è rappresentata con una runa di origine tedesca, l’Algiz, ripreso dalle SS, le quali sostenevano il programma razziale: il simbolo significava ariano, inteso come uomo biologicamente superiore.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, in Piemonte, salgono le guarigioni. 68 i decessi

Oggi pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che il numero complessivo di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test...

L’assessore Icardi: “Nessun caso Piemonte, la curva dei contagi è in calo”

Non c'è nessuno caso Piemonte. L'assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi mette a tacere le voci che volevano il Piemonte in peggioramento nei numeri...

Droni in volo a Torino per evitare le scampagnate di Pasquetta

Sopra i giardini e i parchi di Torino si alzeranno in volo i droni dei carabinieri e della polizia municipale. Obiettivo segnalare le scampagnate...

Coronavirus, 800 mila euro per le famiglie torinesi in difficoltà

La sindaca di Torino, Chiara Appendino ha annunciato l'approvazione di una delibera in cui vengono messi a disposizione 800 mila euro per l'emergenza Coronavirus:...

Incendio in un negozio in centro a Torino, clochard salva titolare (VIDEO)

Ha riportato solo una ferita alla mano la titolare del negozio di fiori di via Santa Teresa, in pieno centro a Torino, dove questa...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor