11 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Torino Pride 2020, Appendino e Giusta: “La lotta per i diritti prosegue”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Mancano pochi giorni al tradizionale Torino Pride. Quest’anno sarà diverso dalle altre edizioni: senza piazza, ma digitale, per la prima volta, a causa dell’emergenza Coronavirus.

Dalla sindaca di Torino Chiara Appendino e dall’assessore Marco Giusta alle Politiche per le famiglie l’augurio: “Era ormai tradizione che l’arcobaleno del Pride nel mese di giugno illuminasse con i suoi colori le strade della nostra città. Per questo, nonostante l’emergenza che stiamo vivendo, abbiamo voluto illuminare la Mole con i colori dell’arcobaleno, affinché sia chiaro che la lotta per i diritti prosegue. Soprattutto in questo periodo, che vede finalmente approdare in Parlamento una legge importante contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia, che sostiene non solo le azioni penali verso chi agisce violenza sulla base di odio, ma anche quelle positive, come ad esempio il sostegno alle case rifugio per le persone lgbt come ToHousing qui a Torino”.

Continuano Appendino e Giusta: “Una legge che sosteniamo convintamente e che ci auguriamo venga velocemente approvata. Ringraziamo il Coordinamento che, seppur in assenza della parata, ha prodotto e coordinato un importante palinsesto di iniziative che attraverseranno la nostra città in questi giorni. Un ringraziamento anche alle singole persone e associazioni che le animeranno. Una menzione particolare per il tema della raccolta alimentare, di cui c’è ancora un grande bisogno in città, e a cui anche questa comunità ha dato il suo contributo.

“La Città di Torino, infine, ha già aderito formalmente alla giornata dell’orgoglio per i diritti LGBTQI, e continua, anche grazie all’importante lavoro del servizio LGBT a livello locale e nazionale come segreteria della rete Ready, a cercare di essere una città all’altezza delle aspettative della sua comunità Lgbtqi”, concludono Appendino e Giusta.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano