11.5 C
Torino
mercoledì, 21 Ottobre 2020

Torino dà i natali al festival cinematografico sulle tematiche del lavoro e dei diritti Job Film Days

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Nicola Rossiello
Nicola Rossiello
Romano di nascita, fieramente “terrone” di origini e orgogliosamente torinese di adozione. Poliziotto di professione dal 1986 e da subito impegnato nel Sindacato di polizia. Oggi faccio il Segretario Generale del SILP CGIL Piemonte.

Si è svolta stamane la conferenza stampa di presentazione della prima edizione del festival cinematografico sulle tematiche del lavoro e dei diritti Job Film Days (JFD) che si svolgerà a Torino dal 21 al 23 settembre prossimi.
Un’idea nata dall’iniziativa di Sicurezza e Lavoro, Associazione torinese che da più di un decennio opera per promuovere salute, sicurezza e diritti nei luoghi di lavoro.
È una realtà che si realizza in collaborazione con Museo Nazionale del Cinema, Magistratura Democratica, Cgil, Cisl e Uil, Inail, Università degli Studi di Torino e altri enti.
Il poliedrico Massimiliano Quirico insieme alla competente, dinamica e appassionata Annalisa Lantermo hanno rappresentato quello che sarà il percorso progettuale della kermesse, presentata come un’esperienza nata dal suo lungo percorso professionale maturato sui temi della sicurezza sul lavoro dalla stessa Annalisa Lantermo che ha diretto con attenzione e passione l’organismo dello SPreSAL Asl TO1. Annalisa Lantermo, compiaciuta per essere riuscita nell’intento di fare incontrare i due mondi, quello del cinema e quello del lavoro e della sicurezza sul lavoro, ‘incontro dei due mondi, cinema e lavoro, ha manifestato soddisfazione per linteresse che suscita il festival, e la speranza che il pubblico comprenda le finalità del progetto partecipamdo attivamente agli eventi.
Molti e importanti i partner che hanno aderito al progetto con entusiasmo, a partire dal Museo del Cinema insieme a Magistratura Democratica, Cgil, Cisl e Uil, Inail, Università degli Studi di Torino e diversi altri soggetti, infine, ma non per questo meno importante l’Associazione Sicurezza e Lavoro.Un lavoro complesso e faticoso è quello che ha portato ostruita una rete molto ampia di esperti di cinema e esperti sicurezza sul lavoro.L’elemento cruciale del festival è quello di unire due mondi, il cinema e il mondo del lavoro.Una kermesse che vuole arricchire il mondo del lavoro di stimoli e riflessioni. E non è un caso che essa si svolga in occasione del 50° anniversario dello Statuto dei Lavoratori.
Interessante la collaborazione tra Università e Magistratura Democratica su quella che vuole essere un’autentica riflessione sull’attualità dello statuto dei lavoratori, sullo stato della sua applicazione, ma soprattutto sulle tematiche che ruotano attorno al tema dei diritti di lavoratori e lavoratrici, con particolare attenzione alle questioni di salute e sicurezza, alle implicazioni etiche, all’organizzazione aziendale, alla condizione femminile, alle categorie di lavoratori più fragili e precari e ai migranti, senza tralasciare l’aspetto correlato all’emergenza covid19 che ha messo a dura prova i lavoratori, le famiglie e la tenuta generale del Paese intero.
La rassegna prevede, tra l’altro, l’assegnazione di un Premio Cinematografico sulle tematiche del lavoro, riservato a cortometraggi prodotti nell’ultimo triennio.
“Nonostante il periodo difficile e a maggior ragione in un momento in cui la salute di lavoratori e lavoratrici è ancora più rischio – dichiara il direttore di Sicurezza e Lavoro, Massimiliano Quirico è opportuno discutere e anzi stimolare il dibattito sulla dignità del lavoro e sulle garanzie e tutele di lavoratori e lavoratrici, coinvolgendo  tutte le parti sociali e anche le nuove generazioni, grazie alla forza espressiva del linguaggio cinematografico”.I JFD, sotto la direzione scientifica di Annalisa Lantermo e di Sicurezza e Lavoro rientreranno nel progetto Torino Città del Cinema 2020 di Città di Torino, Museo Nazionale del Cinema e Film Commission Torino Piemonte, e godranno del sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, in collaborazione con Regione Piemonte e Fondazione per la Cultura Torino.Il programma del Job Film Days – Il cinema dei diritti di chi lavora, reperibile al link www.jobfilmdays.org, che prevede, tra gli altri, anche il film di Ken Loach: Sorry we missed you.
Va sottolineata l’importanza della iniziativa che porta prepotentemente alla ribalta, è il casi di dirlo, temi cruciali per i lavoratori e per la dignità del lavoro. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Palestre e sport dilettantistico contro nuove chiusure: “Categoria soffre crisi invisibile”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dato una settimana di tempo alle palestre per “mettersi in regola”, pena la chiusura del...

Covid, stop a movida a Torino dalle 21

Sarà firmata domani dopo un’incontro con le associazioni di categoria l’ordinanza del Comune che ferma la livida nei luoghi di maggior frequentazione....

Didattica a distanza e centri commerciali chiusi nei weekend: Cirio firma nuova ordinanza

Conferma le indiscrezioni della vigilia Alberto Cirio con la nuova ordinanza firmata per evitare il diffondersi del Covid.  Didattica...

Covid in Piemonte sei decessi, oltre mille i contagi da ieri

I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 46.319 (+ 1396 rispetto a ieri), di cui 786 (56%) sono asintomatici. 

Covid torna la didattica a distanza. Grimaldi: “La sanità piemontese non ha retto l’urto”

“Più trasporti? Più vigilanza attiva? Tamponi più rapidi? Macché. L'unica soluzione della Giunta per ridurre i contagi è tornare alla didattica a...