20.4 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Teatro Regio, le dimissioni del consiglio di indirizzo sono un fatto “politico” e non “tecnico”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Le dimissioni del Consiglio di Indirizzo del Teatro Regio di Torino non sono un fatto “tecnico” ma tutto “politico” e hanno chiare motivazioni in chi ha fatto le scelte: Chiara Appendino

Continua l’imbarazzo della nostra sindaca Appendino sulla questione del Teatro Regio.
Oggi la Nostra annuncia con apparente distacco e derubricando, come ama fare quando è in difficoltà, che il Consiglio di Indirizzo del Regio si dimetterà in blocco definendo la cosa un “fatto tecnico”.

Di “tecnico” non c’è un bel niente. Il tema è tutto “politico” e pare sia il conflitto tra il Sovrintendente William Graziosi dal non proprio illustre curriculum e che fu imposto a forza proprio da Appendino e il direttore artistico Alessandro Galoppini sui contenuti del cd. nuovo Piano Strategico del Teatro.
Quando fu nominato Graziosi si dimisero in polemica su metodo e merito ben due consiglieri, e non fu un caso.

Ora cara Sindaca occorre che lei faccia chiarezza sui destini del Teatro Regio e che magari non continui a giocare a nascondino e almeno per una volta, almeno stavolta, dica che sì, forse ha sbagliato a forzare la mano e che invece che risolvere ha complicato la situazione.
Le farebbe più onore ammettere l’errore.

Scritto da Stefano Lo Russo, capogruppo Pd in consiglio comunale a Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano