14.1 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

T-Red a Torino senza il countdown, Maccanti (Lega) al Ministro dei Trasporti: “Ma sono a norma?”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dal 2 dicembre a mezzanotte a Torino verranno accesi i T-Red, ovvero i semafori con telecamera che riprenderanno gli automobilisti che non rispettano il rosso. Il lavoro dei tre dispositivi, installati negli incroci ritenuti a rischio di incidenti, non è ancora incominciato che già si registra un’anomalia. Infatti questi primi T-Red mancheranno di conto alla rovescio, come invece avviene in altri Comuni d’Italia.

Dunque sono a norma oppure no? Se lo chiede anche la deputata della Lega Elena Maccanti, capogruppo nella Commissione Trasporti, che ha presentato un’interrogazione al Governo M5s-Pd per avere delle risposte dal Ministero dei Trasporti.

«Perché la Giunta a Cinque stelle non ha previsto sui nuovi semafori T-Red l’installazione dei countdown, i dispositivi che mostrano agli automobilisti il conto alla rovescia elettronico, ampiamente usati in tante città italiane? – dice Maccanti –  Sarebbe stato un chiaro segnale delle intenzioni del Comune di Torino di tutelare la sicurezza stradale, anche dei ciclisti e dei pedoni, perché grazie ai countdown è possibile sapere in tempo reale il momento in cui, ad esempio, scattano il giallo e il rosso. La scelta di non montarli rivela invece la volontà di creare una trappola per i torinesi e di fare cassa ai danni dei cittadini, aumentando il numero delle multe».

Continua l’esponente leghista: «Ma c’è di più. Un decreto del Ministero dei Trasporti entrato in vigore a dicembre 2017 prevede che i countdown siano obbligatori quando si installano nuovi semafori, quando si sostituiscono o anche solo quando si cambia il regolatore semaforico. Siamo sicuri che non fossero previsti dalla legge contestualmente all’installazione dei nuovi T-Red? Non vorremmo che anche su questo la Giunta Appendino abbia combinato l’ennesimo pasticcio e che l’avvio dei T-Red non rispetti le norme».

«In ogni caso – conclude Elena Maccanti– abbiamo presentato un’interrogazione al Governo per chiarire se effettivamente il Ministero dei Trasporti stia vigilando sull’applicazione del decreto e sull’installazione dei countdown sui semafori»

Come detto saranno i tre, dei quattordici previsti, semafori con telecamera ad accendersi il 2 dicembre. Gi incroci interessati saranno quelli di corso Regina angolo corso Potenza e corso Lecce, corso Peschiera angolo corso Trapani e corso Novara angolo corso Vercelli. Altri quattro verranno piazzati fra fine 2019 inizio 2020, per finire nel corso del prossimo anno.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano