7.4 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Sale operatorie non a norma: la Regione sospende la Pinna Pintor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo
Un atto dovuto, scontato. La sospensione da parte della Regione Piemonte dell’autorizzazione al servizio dell’attività sanitaria per la storica clinica di Torino Pinna Pintor. Scontata la decisione della Giunta regionale, dicevamo, dopo che la Commissione di Vigilanza ha scoperto delle irregolarità nel rivestimento delle pareti delle sale operatorie. Irregolarità registrate durante un sopralluogo nel gennaio 2013. E nel dicembre dello stesso anno la Commissione aveva espresso parere sfavorevole sul mantenimento dei requisiti per l’esercizio dell’attività. Nel 2014 veniva inviata una diffida all’avvocato della Pinna Pintor. Nonostante questo il 13 gennaio di quest’anno la commissione in un nuovo sopralluogo rilevava che i lavori di manutenzione straordinaria non avevano eliminato la criticità «e pertanto il reparto operatorio continua non avere i requisiti previsti dalla normativa» ha spiegato la Commissione. Oggi la delibera che sospende le attività chirurgica e le prestazioni relative a queste sale. Il presidente della Regione Sergio Chiamparino ha comunque auspicato un pronto ripristino dell’attività sanitaria chirurgica in questa secolare struttura, appena la Casa di Cura provvederà ai necessari adempimenti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano