27.5 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Rivoli, il candidato sindaco M5s vuole una città aperta ai migranti e definisce quelle di Salvini “assurdità pericolose”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Stefano Torrese, oltre ad essere il capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Consiglio comunale, è il candidato sindaco di Rivoli, in provincia di Torino.

Il pentastellato, nonostante le alleanze di governo tra M5s e Lega, ha aperto la campagna elettorale per le amministrative andando proprio contro Matteo Salvini e definendo “assurdità pericolose” le decisioni e le affermazioni del Ministro dell’Interno.

Per Torrese, infatti, la Rivoli guidata in futuro da un’amministrazione grillina sceglierà la strada dell’accoglienza. Quindi idee le sue più vicine al centrosinistra in questo momento che, come detto, ai suoi alleati di governo.

Il candidato sindaco chiarisce bene il suo pensiero attraverso un post apparso su facebook.

«Per il tema dell’immigrazione – scrive Stefano Torrese – la nostra storia e la nostra azione politica a Rivoli parlano chiaramente». «Se si vuole fare campagna elettorale – spiega – continuando a citare le assurdità pericolose di Salvini si è liberi di farlo. La realtà è che per noi Rivoli sarà una città luminosa e accogliente capace di integrare i migranti e chiunque abbia voglia di entrare a far parte produttivamente della nostra comunità», conclude Stefano Torrese.

E qualcuno sotto il suo post commenta: «Stefano Torrese hai dimostrato una volta per tutte che votare per te o per il Pd non fa differenza».

Articolo precedente
Articolo successivo
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano