14.5 C
Torino
lunedì, 19 Ottobre 2020

Ragazze sequestrate e minacciate per farle prostituire: presta coppia di sfruttatori

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Sfruttamento della prostituzione, sequestro di persona e estorsione: sono le accuse nei confronti delle due persone arrestate la scorsa settimana al termine di un’indagine durata quasi un anno. 

Era infatti l’agosto del 2019 quando gli agenti del commissariato Dora Vanchiglia apprendevano di tre ragazzine marocchine obbligate a prostituirsi da una coppia di loro connazionali. 

- Advertisement -

I due non solo obbligavano le giovani alla prostituzione e a dare loro tutti i proventi, ma le chiudevano in un alloggio impedendo loro di uscire. I clienti invece prendevano accordi e pagavano direttamente i due uomini e poi si recavano nell’appartamento di corso Moncalieri. 

- Advertisement -

Le tre ragazze erano anche ricattate: se provavano a ribellarsi venivano minacciate di vedere diffusi loro video e immagini hard anche nel Paese di origine. E dopo che una delle ragazze trova il coraggio di denunciare si arriva alle aggressioni: gli sfruttatori la picchiano e le sottraggono una collana d’oro e il passaporto per impedirle di tornare nel suo paese. Non solo, attraverso i social inviano video della giovane in atteggiamenti intimi con uno dei clienti a parenti e amici. 

Come spiegano gli investigatori: “Dalle intercettazioni telefoniche emerge un modus operandi teso a soggiogare le donne utilizzando metodologie ricattatorie ed estorsive basate sulla divulgazione di immagini nel Paese di origine, in modo da compromettere definitivamente la propria reputazione. Nell’ambito dello stesso procedimento si acclara anche l’alterazione di stato di uno dei figli della sfruttatrice, dichiarato fraudolentemente figlio di diverso padre per ottenere il permesso di soggiorno, motivo per cui veniva denunciata per alterazione di stato”.

L’uomo è ora in carcere mentre la compagna, accusata di concorso nei reati, ha obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, Pd Piemonte: “Icardi sfiduciato, Cirio in ritardo nel gestire emergenza”

Il Partito Democratico piemontese all’attacco della giunta regionale per la gestione dell’emergenza sanitaria. "Oggi Cirio in Commissione Sanità sostituisce l'assessore Icardi nelle...

Nuovo Dpcm, Appendino: “Sindaci non possono decidere chiusure da soli”

La sindaca Chiara Appendino commenta il nuovo Dpcm firmato ieri dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e che affida ai sindaci il...

Covid, sul palco va in scena la crisi dei lavoratori dello spettacolo: “Senza aiuto si chiude”

Cambiare palcoscenico, modificare il proprio modo di fare spettacolo, combattere contro burocrazie e difficoltà economiche e contro lo strabismo culturale di una...

Il Consiglio comunale torna in videoconferenza

Torna il consiglio comunale ma resta chiusa la Sala Rossa. Dopo il caso di positività al Covid di un consigliere M5s che...

Torino 2021, Salvini vuole il nome del candidato entro novembre

Vuole giocare d'anticipo Matteo Salvini nella corsa alle amministrative 2021 e vuole al più presto i nomi dei candidati. "Ho chiesto che entro...