18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Processo Caccia, pentito rivela: “La ‘ndrangheta si occupò dei biglietti della finale Champions Juventus-Barcellona

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sarebbe stato il presunto boss della ‘ndrangheta Cosimo Crea ad occuparsi del bagarinaggio dei biglietti della finale di Champions del 2015 Juventus-Barcellona. Non solo: diede due mila euro del denaro guadagnato a Placido Barresi, cognato di un altro presunto esponente della mafia calabrese, Domenico Belfiore.

Lo ha raccontato in aula, confermando in sostanza dichiarazioni già messe a verbale in un’inchiesta torinese, il pentito Massimiliano Ungaro sentito nel processo milanese per l’omicidio del 1983 del procuratore di Torino Bruno Caccia a carico di Rocco Schirripa, accusato di essere l’esecutore materiale dell’uccisione su mandato di Belfiore, già condannato all’ergastolo. Ungaro, torinese, è ritenuto il “braccio destro” dei fratelli Adolfo e Cosimo Crea e diventato collaboratore di giustizia lo scorso anno, ha spiegato davanti alla Corte d’Assise che il presunto boss del clan Crea “consegnò quel denaro a Barresi perché disse che era una brava persona e per tutto quello che aveva passato”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano