16.2 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Piemonte, obbligo di mascherina anche all’aperto per il ponte del 2 giugno

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Obbligo di mascherina anche all’aperto nei giorni del ponte del 2 giugno, in Piemonte, come ha spiegato ai microfoni della trasmissione ‘Centocittà’ di Radio Rai il governatore Alberto Cirio, ricordando che l’ordinanza attualmente in vigore “prevede già l’obbligo della mascherina all’aperto dove non si può garantire la distanza di sicurezza”. “Purtroppo – sottolinea Cirio – quel che abbiamo visto è che la gente tende a non metterla nonostante ci siano luoghi di potenziale assembramento. Bisogna essere tutti più attenti, a iniziare naturalmente dalle istituzioni, e bisogna essere più chiari”.

“Per questo – annuncia – stiamo ragionando con le prefetture di introdurre l’ordinanza che valga nel ponte lungo che va da venerdì a martedì obbligando in tutti i centri abitati a indossare la mascherina anche all’aperto”. Fra gli episodi degli ultimi giorni Cirio cita “le serate in cui ci sono stati momenti in cui la gente era vicina senza mascherina” e il passaggio delle Frecce Tricolori a Torino.

“Ci sarebbe anche da chiedere – osserva – se forse non si poteva immaginare di fare un altro tipo di evento e non un evento di piazza” e ribadisce di essersi “molto arrabbiato” di fronte alle immagini della folla. Poi una critica alla “comunicazione che è stata data prima dell’evento, quasi come l’annuncio di un concerto, con la gente che è andata a spostarsi nelle piazze dove si poteva vedere il passaggio”.

Per quanto riguarda l’apertura dei confini regionali Cirio si dice fiducioso: “A oggi il nostro monitoraggio quotidiano non ci segnala particolari criticità, quindi attendiamo fiduciosi che il 3 giugno possa essere la data per la riapertura dei confini, sempre con l’occhio vigile sui dati del monitoraggio”.

“Dai dati di venerdì – ha detto riferito al monitoraggio settimanale fatto a livello nazionale sulle regioni – mi aspetto la conferma dei dati che noi in Piemonte continuiamo a raccogliere quotidianamente”. E ricorda che “nelle ultime due pagelle del ministero il Piemonte era considerato a rischio basso, con un Rt a 0,39 con indice massimo a 1, quindi con numeri assolutamente nei parametri. La base di ogni decisione – ribadisce – deve essere quella scientifica”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano