21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Piazza San Carlo: chiesta conferma condanna per banda dello spray: “Rapina causa primaria di quanto avvenuto dopo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il pg di Torino Elena Daloiso ha chiesto la conferma della condanna di primo grado a 10 anni per tre dei quattro componenti della ‘banda dello spray’, i giovani di origine maghrebina che ha messo a segno furti e rapine confondendo le vittime con spray urticante in piazza San Carlo la sera del 3 giugno 2017, in occasione della proiezione della finale di Champions League. La folla in preda al panico provocò oltre 1.500 feriti, due dei quali morirono poi per le conseguenze.

“Ci sono persone che dopo questa tragedia non avranno più il coraggio di entrare in un cinema, andare a un concerto”, ha sostenuto il procuratore davanti ai giudici della Corte d’Assise. La posizione del quarto imputato, Hamza Belghazi, è stata per il momento separata perché il giovane è risultato positivo al Covid-19 e non ha potuto partecipare all’udienza.

Secondo il procuratore generale Mohammed Machmachi, Es Sahibi Aymene e Sohaib Boumadaghen avrebbero commesso la rapina che è, “causa primaria” di tutto ciò che è avvenuto successivamente. Per spiegare perché non sarebbe possibile parlare di colpa ma va contestato il dolo, il pg ha citato i criteri fissati dalla Corte di Cassazione per la sentenza Thyssen. Una ventina i video, mostrati sugli schermi della maxiaula della corte d’appello di Torino, che hanno aiutato a ripercorrere la sera della tragedia di piazza San Carlo. I momenti di panico, la seconda ondata di folla, il momento in cui una delle vittime – Erika Pioletti – viene schiacciata e poi soccorsa. Così la pg Elena Daloiso ha raccontato quegli undici minuti intercorsi tra le 22.12 e le 22.23 del 3 giugno 2017 nei quali la folla è scappata, in due diverse ondate.

Secondo Daloiso senza la rapina quella sera “non sarebbe successo niente” e ci sarebbe “un filo continuo” che collega i fatti successivi: anche la morte di Marisa Amato, mancata un anno dopo la tragedia, oltre a quella di Erika Pioletti, sarebbe da attribuire alla prima ondata di folla in fuga e non alla seconda.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano