13.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Osvaldo Napoli: “Grazie di tutto a Berlusconi. Con ‘Cambiamo” ritrovo entusiamo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Osvaldo Napoli affida a una nota il suo addio a Forza Italia, dove militò fin dagli albori, e il suo passaggio al movimento legato al governatore della Liguria Toti, “Cambiamo”. 

“Una militanza politica lunga un quarto di secolo, trascorsa sotto le insegne di Forza Italia e dell’uomo che ha rivoluzionato la politica italiana, è un arco temporale importante: è stato ricco di soddisfazioni, di speranze, di entusiasmi e qualche volta di amarezze, come è giusto che sia perché la politica, in fondo, è una copia imperfetta della vita. Al presidente Silvio Berlusconi desidero esprimere, nel momento in cui lascio il gruppo di Forza Italia, la mia gratitudine per quello che egli ha rappresentato nel Paese, nella politica, nel destino di ciascuno di noi” afferma Napoli.

Il deputato e consigliere comunale torinese si lascia poi andare anche ad alcune considerazioni che riguardano la politica attuale: “La nascita del governo Draghi ha accelerato il processo di cambiamento e messo in discussione equilibri che sembravano fino a ieri inossidabili. A tutti noi è richiesto oggi un impegno nuovo, senza più le liturgie e i riti visti in questi anni. Le logiche e le convenienze personali hanno purtroppo avuto la meglio sul confronto politico libero, all’occorrenza aspro ma sempre schietto e senza retropensieri. Accetto la sfida lanciata con coraggio dall’amico Giovanni Toti per la nascita di un partito che non si fonda sulla forza degli apparati ma si presenta sulla scena politica con ricchezza e freschezza di idee per affrontare i tornanti impegnativi della nuova stagione politica”.

“Con “Cambiamo” – prosegue Napoli – la politica torna a radicarsi nel territorio, a incontrare le persone e a sfidare i luoghi comuni. Con Toti voglio impegnarmi per dire che un’altra politica è possibile; che la deriva non è ineluttabile perché non è scritta nelle stelle; che il merito di ogni persona non è una concessione divina ma il risultato dell’impegno e dell’abnegazione di cui sapremo dare prova. In “Cambiamo” sono sicuro di rinnovare l’entusiasmo e lo spirito senza i quali la lotta politica si riduce a grigia sopravvivenza”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano