8.5 C
Torino
martedì, 27 Ottobre 2020

Operazioni dei militari francesi in territorio italiano: la Procura di Torino indaga

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Porto illegale di arma da guerra in territorio italiano e minacce. Queste le accuse contenuto nel fascicolo aperto dalla Procura di Torino contro ignoti in relazione a quanto accaduto a Gimont. Qui, a Cesana Torinese, lo scorso 2 agosto due cittadini italiani erano stati fermati da un gruppo di uomini armati e con indosso tute mimetiche e giubbotti antiproiettile, a quanto pare di nazionalità francese.
Visti l’abitudine allo sconfinamento tutto fa pensare ad un controllo in territorio italiano della gendarmeria francese, a pochi chilometri dal confine. I due italiani, entrambi residenti a Claviere, avevano denunciato l’accaduto ai carabinieri, come spiegano dalla Procura: «Tali persone, l’una mentre era intenta a passeggiare con il suo cane, l’altra mentre percorreva alla guida di un ciclomotore una strada sterrata, venivano fermate nella zona di Gimont di Cesana Torinese da quattro uomini verosimilmente francesi, usciti dalla zona boscosa dove erano nascosti, in tuta mimetica militare, con giubbotto antiproiettile ed armati, che chiedevano loro, in lingua straniera i documenti . Alla persona che circolava con il ciclomotore di cui, i quattro rilevano la targa, veniva di fatto impedito di proseguire per la strada ed intimato di non riferire ad alcuno di avere visto gli uomini armati».
Per la Procura torinese è il terzo fascicolo aperto sul comportamento anomalo della Francia oltre confine: il primo è relativo ad un vero e proprio blitz della Gendarmerie a Bardonecchia, nella sede della Ong Rainbow4Africa. Il secondo riguarda i fatti accaduti poche settimane fa, quando un furgone della polizia francese ha scaricato dei migranti a Claviere.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Notte di guerriglia contro le chiusure

Fuochi di artificio, lanci di bottiglie, petardi, bombe carta e cori contro la giunta regionale e contro le forze dell’Ordine schierate in...

Ore 18: chiudono bar e ristoranti

Il silenzio è interrotto solo dal rumore delle sedieche vengono impilate e delle saracinesche che calano. Mancano pochi minuti alle 18, l'ora...

Inizia il lunedì di protesta a Torino: taxi in piazza Castello contro chiusure

Mentre per la serata sono attese due manifestazioni di protesta contro il nuovo Dpcm firmato ieri da Conte e che prevede la...

Elena Piastra positiva al Covid. La sindaca di Settimo: “Non abbassiamo la guardia”

Il test rapido le ha dato esito positivo e ora farà il tampone molecolare per averne conferma. La sindaca di Settimo Elena...

“Siamo costretti a chiudere”. La protesta di Confesercenti contro il Dpcm

“Alle 18.00 siamo costretti a chiudere, ma avere un futuro è un nostro diritto”. È questo il messaggio del manifesto che migliaia...