15.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

No Green Pass, blitz alle poste contro il certificato verde

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Blitz di manifestanti contro il green pass nell’ufficio centrale delle Poste, nel centro di Torino, nel primo giorno dall’entrata in vigore delle nuove norme anti Covid. Attivisti del gruppo ‘Matteo Brandi Pro Italia’ si sono avvicinati agli sportelli distribuendo volantini contro il divieto di accesso per chi non ha il certificato sanitario ‘verde’. Usando un megafono hanno spiegato le loro posizioni: “A quando quindi l’esibizione della tessera anche per rientrare a casa?”, ha detto Gianpiero Alaimo, responsabile regionale del movimento”. Tra i manifestanti c’era anche anche Susanna Lucia, pensionata, che nei giorni scorsi aveva occupato con altri attivisti l’aula magna del Rettorato dell’Università di Torino: “Solo il cimitero mi è concesso senza tessera verde – ha affermato – Ma prima che ciò avvenga smantelleremo questa angheria”.
Cinzia Trentanelli, portavoce torinese del movimento ‘No Green Pass’ ha lanciato un appello sui social: “Oggi non mi hanno fatto entrare in banca a prendere i miei soldi, perché senza super green pass – ha scritto – ho fatto chiamare il direttore e chiuso il conto. Togliamo i soldi dalle banche e li colpiremo nel cuore”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano