15.3 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

‘Ndrangheta e scambio di voti in Piemonte, inchiesta chiusa. Chiesto il rinvio a giudizio per Rosso

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Fallimento Scarpe & Scarpe, Fisascat Cisl Torino-Piemonte: “Rispetto per i dipendenti”

La Fisascat Cisl Torino-Piemonte commenta il rischio di fallimento della ditta Scarpe & Scarpe di Torino, chiedendo "rispetto e attenzione per i dipendenti" che...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

La Procura di Torino ha formalmente concluso il filone di inchiesta sulla ‘ndrangheta in Piemonte che riguarda l’ex assessore regionale Roberto Rosso arrestato il 20 dicembre con l’accusa di voto di scambio politico-mafioso. L’atto, che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, è stato notificato ai difensori degli undici indagati, a vario titolo e per episodi diversi.

Intanto il legale di Rosso, ha chiesto al Tribunale del Riesame la scarcerazione del suo assistito o quantomeno l’applicazione di una misura cautelare “meno restrittiva” come gli arresti domiciliari. L’avvocato Giorgio Piazzese, ha ribadito come Rosso sia totalmente estraneo alla criminalità organizzata e che i soldi versati all’intermediaria Enza Colavito, vicina a Onofrio Garcea e Francesco Viterbo, figure di spicco della ‘ndrangheta di Carmagnola, fossero solo un contributo per l’organizzazione degli eventi connessi alla campagna elettorale del 2019, al termine della quale Rosso risulterà fra gli eletti.

La difesa ha sottolineato che l’assessore si è dimesso e che, di conseguenza, non ci sono più esigenze cautelari che ne giustifichino la permanenza in carcere.

Alla richiesta di scarcerazione si è opposta la Procura di Torino. In particolare, secondo il pubblico ministero Paolo Toso i 7900 euro versati da Rosso per ottenere un “pacchetto” di voti sarebbero gli unici soldi non rendicontati dall’ex assessore.

Per la Procura inoltre Roberto Rosso non avrebbe detto la verità ed in qualche modo “ricattabile”. Così il pm ha chiesto Tribunale del riesame di respingere la richiesta di scarcerazione. Domani la decisione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Governo Conte verso la proroga delle restrizioni fino al 3 maggio

Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. E' quanto si apprende da fonti sindacali al termine del vertice tra...

In Piemonte i guariti di oggi sono il doppio dei decessi

Altri 133 guariti in Piemonte, che arrivano oggi a quota 865 in tutta la Regione. 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in...

Piemonte, Cirio chiude i supermercati per Pasqua e Pasquetta

Niente spesa nei supermercati per Pasqua e Pasquetta. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l'ordinanza che stabilisce la chiusura dei supermercati...

Coronavirus, Unione industriale Torino: “Mascherine bloccate da Inail”

L'Unione Industriale di Torino ha acquistato un ingente carico di mascherine per le imprese associate, 300.000 sono state importate dall'estero, ma forti ritardi burocratici...

Coronavirus, in Piemonte allarme usura

“La grave crisi di liquidità causata dall’emergenza Covid-19 è un terreno che anche in Piemonte potrebbe rivelarsi fertile per gli usurai”. La denuncia arriva...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor