16 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Morano: “Conti di Gtt allegri. La sindaca avvalla?”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di Andrea Doi

Sarebbero ben 45 i milioni di euro di crediti vantati da Gtt nei suoi bilanci ma che in realtà non erano esigibili. A sostenerlo è il consigliere comunale Alberto Morano che dopo un analisi fattura per fattura dei conti dell’azienda del trasporto pubblico precisa che dei 70 milioni di disallineamento ben 45 sarebbero ricondubili a fatture duplicate o emesse per prestazioni già pagate. Insomma, in poche parole: crediti inesistenti, creati “ad hoc” per dimostrare un pareggio in bilancio che in realtà sarebbe un conto in rosso.
Un meccanismo semplicissmo: molte delle fatture inviate all’Agenzia per la Mobilità venivano da quest’ultima respinta proprio perchè già liquidate in precedenza, ma rimanevano invece nel bilancio di Gtt che continuava a sostenere di vantare il credito. Lo stesso accadeva anche nei confronti del Comune di Torino che già durante l’amministrazione Fassino si era accorto che qualcosa non andava e nel la primavera del 2015 due lettere del direttore del settore partecipate, Carla Villari, avvertivano Gtt di 18 milioni di crediti nei confronti di Palazzo di Città che non erano esigibili.
E nel passaggio di consegne tra Fassino e Appendino il pasticcio prosegue. «La falsità del Bilancio 2015 di GTT (approvato dal Sindaco Appendino il 20/07/2016) è attestata dal Consiglio Comunale di Torino con un atto ufficiale proposto dal Sindaco e dall’assessore al Bilancio che un anno fa votarono il Bilancio 2015 di GTT» spiega Morano che ricostruisce le tappe di questi ultimi 18 mesi, fino all’ultimo atto: quando il 13 settembre 2017 il Consiglio Comunale voto la delibera che approva una convenzione tra Comune e Gtt per il pagamento dei mutui relativi all’acquisto di motrici tramviarie per la linea 4. Peccato che da un confronto tra la delibera e i libri contabili di Gtt risulterebbe uno sbilanciamento di circa 5 milioni di euro.
«Ed io mi chiedo quindi, e chiedo al Sindaco e all’Assessore Rolando, come potete pensare di far firmare la convenzione a GTT nei termini proposti dalla Delibera succitata e firmare il Bilancio 2016 (salvo che vengano apportate le occorrenti modifiche) della società attestando, per fatti concludenti ed incontestabili, che il Bilancio 2015, approvato dalla Giunta Appendino era falso per lo meno per l’importo di Euro [5.744.500,94 – 626.469] = 5.115.031,94» si chiede Morano che avverte la sindaca: «Credo che sia giunto il momento per Lei di aprire gli occhi ed uscire dall’angolo in cui, per incapacità, arroganza e presunzione si è andata a mettere. Le condizioni poste dal PD sono per lui inaccettabili».
Per il consigliere comunale serve una scelta di coraggio sostituendo sia nella giunta sia ai vertici di Gtt chi non è stato in grado di svolgere il proprio ruolo e correggendo il bilancio del Gruppo Torinese Trasporti. Morano ha poi incontrato i lavoratori Gtt in protesta sotto l’aula del consiglio ascoltando le loro ragioni.

- Advertisement -

mailgtt1 mailgtt2 mailgtt3 mailgtt4 mailgtt5 mailgtt6

- Advertisement -

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...