20.2 C
Torino
giovedì, 13 Agosto 2020

Moderati, "Mancata candidatura alle Olimpiadi è un capolavoro di inefficienza". Magliano: "Ci rimettono i torinesi"

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

«Un capolavoro di inefficienza», così il leader dei Moderati Giacomo Mimmo Portas e la coordinatrice Carlotta Salerno definiscono la mancata candidatura di Torino alle Olimpiadi 2026, aggiungendo che «l’esclusione di Torino è un disastro. Colpa di chi, come i M5s e la sindaca Appendino, non amano i torinesi e i piemontesi».
Per il capogruppo dei Moderati in Comune Silvio Magliano è stato «l’epilogo peggiore, che però non mi stupisce. Torino è tagliata fuori da ogni sogno a Cinque Cerchi. Niente Olimpiadi: troppo debole la candidatura, frutto di equilibrismi dialettici e politici e non di una reale volontà di fare di Torino, di nuovo, la città olimpica».
In fondo per Magliano l’operato di Appendino per portare a casa i giochi non è mai stato convincente:«Poche settimane fa, mentre altri si lasciavano andare a sperticati elogi ad Appendino, noi Moderati l’avevamo detto chiaro e tondo: nessun complimento alla sindaca. Tutto l’iter relativo alla candidatura è stato gestito in maniera pessima, con attenzione rivolta non al bene di Torino ma agli equilibri interni, tutti politici, del Movimento Cinque Stelle».
«Non abbiamo mai fatto nostro il noto modo di dire secondo il quale “piuttosto che niente è meglio piuttosto”. Ora l’inevitabile risultato. Poter dire “io l’avevo detto” non è una consolazione. Anzi, è un’ulteriore ragione di rimpianto. Ancora una volta provincialismi, tatticismi, interessi incrociati e ricatti tra Sindaca e Maggioranza hanno presentato il conto: e il prezzo lo pagano tutto, anche questa volta, i torinesi», conclude Magliano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...