25.7 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Mirafiori Sud, chiude l’Università della Terza Età. “Vogliamo più servizi nel quartiere”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una chiusura che sta facendo discutere il quartiere di Mirafiori Sud, quella di Unitre, l’Università della Terza Età che mantiene solo la sede centrale in corso Trento (Crocetta). Perchè si tratta dell’ennesimo caso di fuga da un quartiere che chiede servizi ma che deve fare i conti con le mancanze di un mercato coperto, di sportelli bancari, di sede dei vigili urbani e di una biblioteca. 

Lo denuncia il sindacato Spi Cgil di Torino in una nota in cui si chiede un confronto con Unitre e istituzioni: “Per il quartiere rappresentava qualcosa di più dell’occasione di frequentare dei corsi (storia, letteratura, arte, fisica, ecc.), ma anche importante occasione di aggregazione sul piano sociale, culturale e di scambio di esperienze: le attività che vi si svolgevano, visto il carattere di servizio pubblico, erano sostenute sia dal Comune che dalla Circoscrizione”.

“A chi vuole continuare – proseguono – il percorso gli si propone di svolgere i corsi presso la sede centrale, ubicata in corso Trento (Crocetta), una soluzione che contiene tuttavia alcune criticità non secondarie, in primo luogo la riduzione delle opportunità nella mobilità, derivanti dai tagli riguardanti il trasporto pubblico che rendono difficile il raggiungimento della struttura, soprattutto se consideriamo che gli utenti riguardano in prevalenza una popolazione anziana”.

“Al continuo svuotamento di servizi del quartiere Mirafiori Sud, dalle istituzioni locali non si manifesta, ad oggi, nessuna volontà e/o iniziativa per invertire la rotta. Le periferie non possono essere oggetto di interesse solo in occasione delle campagne elettorali: queste opportunità di crescita culturale sono parti costitutive della vita democratica della comunità” concludono dal sindacato. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano