3.9 C
Torino
mercoledì, 2 Dicembre 2020

Meluzzi: “La mafia nigeriana è una minaccia fuori controllo. Anche per colpa del buonismo”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Moreno D'Angelo
Moreno D'Angelo
Laurea in Economia Internazionale e lunga esperienza avviata nel giornalismo economico. Giornalista dal 1991. Ha collaborato con L’Unità, Mondo Economico, Il Biellese, La Nuova Metropoli, La Nuova di Settimo e diversi periodici. Nel 2014 ha diretto La Nuova Notizia di Chivasso. Dal 2007 nella redazione di Nuova Società e dal 2017 collaboratore del mensile Start Hub Torino.

«La mafia nigeriana è fuori controllo ed è profondamente radicata in Italia». Alessandro Meluzzi, nel corso della presentazione al Salone del Libro di Torino del volume da lui scritto sul fenomeno insieme alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, “Mafia Nigeriana – origini, rituali, crimini” (edito da Oglio) non usa mezzi termini e chiama in causa il buonismo di Papa Bergoglio verso i migranti.

«La mafia nigeriana è molto potente ha una diffusione planetaria, gestisce il monopolio dello spaccio al minuto, delle droghe pesanti a partire dalla micidiale eroina gialla».

«Sta assumendo – continua Meluzzi – un controllo militare del territorio, anche attraverso attività snobbate da altre mafie come lo sfruttamento della prostituzione del mercato di organi-. Si è anche imposta come a Castelvolturno nel traffico dei rifiuti e nello sfruttamento del lavoro nero agricolo».

Per Meluzzi si tratta di «una minaccia vera non solo per la convivenza civile e per l’ordine pubblico ma anche per la sicurezza nazionale perché quando si importano 100 mila persone in due anni,  completamente fuori controllo, anonime e in grado di gestire business molto lucrosi,  ci troviamo di fronte a una minaccia. assolutamente superiore alle capacità delle forze dell’ordine di controllarla».

L’analisi  si conclude con un duro attacco sulle responsabilità politiche dietro a questa emergenza che risulta alquanto in sordina sui media: «C’è il political correct, trattandosi di africani connessi alle migrazioni illegali, perché c è il il buonismo  dominante e Bergoglio. Si  può vomitare sui calabresi per la ‘ndrangheta, e giustamente per quelli devianti,  ma non si può parlare male degli africani».

Alla presentazione del libro a fianco di Meluzzi il candidato in Regione Piemonte per Fratelli d’Italia Maurizio Marrone. A sorpresa il filosofo Diego Fusaro è passato per un saluto.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, 64 decessi in Piemonte. Calano i ricoveri

Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questo il dato comunicato nel pomeriggio dall'Unita'...

‘Gli sguardi sul MOI’: noir e foto giornalismo raccontano la più grande occupazione d’Europa

Il 30 luglio del 2019 con lo sgombero dell'ultima palazzina terminava l'occupazione dell'ex MOI a Torino, quella che è stata definita la...

Federica Scanderebech passa a Forza Italia: “Torno a casa”

Una foto di lei bambina mentre partecipava ad un evento vicino a Silvio Berlusconi. Con questa voto che mostra sui social e...

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...