20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

Madamin sull’orlo di una crisi di nervi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Liste, elezioni, manifestazioni,i loro Sì contro il popolo del No. Insomma classica “tanta carne al fuoco” che non solo rischia di bruciare, ma di far saltare in aria l’intera cucina.

Le “madamin”, tra loghi registrati e liste quasi pronte per appoggiare il Chiamparino bis alla Regione Piemonte, continuano la loro battaglia a sostegno della Tav. Come? Cambiando lo stato sociale del loro gruppo “Sì Torino va avanti” da semplice pagina Facebook (dove un po’ tutti si sono ritrovati loro malgrado iscritti, compresi professori universitari da sempre contrari alla Torino-Lione) in comitato civico. Il primo passo verso le urne.

- Advertisement -

«Vogliamo proseguire con più risorse e nuove idee – sostengono dal neonato comitato – per contrastare l’incompetenza di una certa politica con un ventaglio più ampio di persone preparate».

- Advertisement -

Il successo delle due manifestazioni a favore della Tav, quella di novembre e una a gennaio, e questa decisione però non bastano a tenere unite le madamin. Infatti se prima erano in sette ora si ritrovano in cinque.

Donatella Cinzano e Roberta Dri fanno un passo indietro «consapevoli di non poter più conciliare il lavoro con l’attivismo civico». Restano in pista Adele Oliviero, Roberta Castellina, Simonetta Carbone, Giovanna Giordano Peretti e Patrizia Ghiazza.

La separazione è consensuale ripetono, anche se sono pochi quelli che credono che l’addio è stato amichevole.

In fondo non è un mistero che la decisione di Patrizia Ghiazza di depositare il marchio dell’Onda (alla faccia del copyright di quel bel movimento studentesco che mise in difficoltà un’altra madama, Maria Stella Gelmini), non fosse gradita a tutte e sette.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...