12 C
Torino
giovedì, 22 Ottobre 2020

Ma lo smog è calato o no? Ecco dati e analisi dei tecnici Arpa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Araldi
Andrea Araldi
Già consigliere comunale di Torino. Direttore editoriale del mensile Starthub Torino. Tra i suoi interessi la politica, il mondo dell'innovazione e informazione.

La discussa misura anti smog della giunta Appendino, con lo stop ti tutti i veicoli diesel fino a euro 4 e i benzina, metano e gpl euro 0 non sembra trovare pace. Nei giorni scorsi il contenzioso verteva sull’opportunità o meno di questa misura preferita ad altre, con le aspre parole di Confesercenti e dei partiti dell’opposizione, che hanno spaziato da inviti ad abbandonare la misura a proposte di manifestazioni di piazza.

Da ieri sono finiti sotto la lente i numeri, a dimostrazione che addirittura la matematica può essere un’opinione. Da una parte M5S e amministrazione comunale, dall’altra il Partito democratico. Secondo la sindaca di Torino «Le misure emergenziali prese in questi giorni contro lo smog stanno dando i loro risultati ed è per questo che le sosteniamo convintamente». Secondo il vicepresidente del Consiglio comunale Enzo Lavolta «Il blocco così non serve a nulla, crea disagi e risulta incomprensibile ai più. Siamo al 2° giorno di blocco euro4 e al 5° giorno blocco euro 3. E il PM10? AUMENTA!».

- Advertisement -

Chi ha ragione, quindi? Al momento, nessuno. E per spiegarlo bene dobbiamo fare qualche passo indietro. Il passaggio obbligato è quello di interpellare i dati forniti dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale, ente incaricato di misurare i livelli di Pm10, le famose particelle la cui eccessiva concentrazione ripetuta ha fatto scattare il blocco.

- Advertisement -

I livelli di Pm10 negli scorsi sabato e domenica, giorni precedenti all’inizio delle limitazioni per gli autoveicoli, erano rispettivamente a quota 78 e 76 microgrammi per centimetro cubo. Il primo giorno di blocco, lunedì, i livelli salgono a 87, con un aumento del 14%, precipitando poi a 65 il secondo giorno (-25%), per poi vedere un lieve aumento (fino a 69 con un +6%) il terzo giorno. Come si spiega questo apparente paradosso per cui il primo giorno di blocco lo smog sarebbe aumentato? Con le caratteristiche delle particelle Pm10, le quali rimangono in sospensione nell’aria per un periodo che oscilla tra le dodici e le 24/30 ore, a seconda della grandezza. I dati misurati lunedì, quindi, non tengono conto solo dello smog cittadino di quel giorno.

Non è vero, quindi, che malgrado i blocchi ci sia stato un innalzamento dei livelli di Pm10 che, anzi, sono diminuiti sensibilmente. Questo comporta che la sindaca abbia ragione e che la misura abbia avuto effetto? No, non è vero nemmeno questo, almeno per il momento.

Come spiegano i tecnici dell’Arpa Piemonte, infatti, i livelli di Pm10 sono determinati da una lunga serie di macrovariabili di breve, medio e lungo periodo: pressione atmosferica, correnti d’aria, umidità, temperatura. Ad esempio, un clima caldo aumenta la dispersione dei fattori inquinanti, che quindi, tendenzialmente, aumentano d’inverno. In altre parole: sarebbe bastato un aumento della temperatura per “falsare” i dati sullo smog. I dati su cui tanto si dibatte, pertanto, sono aggregati molto ampi, che nulla dicono, almeno al momento, sulla riuscita della misura.

Per riuscire a capire se la misura funziona o meno, quindi, occorre aspettare e dare il tempo agli organismi preposti di scomporre le varie dimensioni e consegnare un quadro chiaro dove la matematica possa cessare di essere un’opinione e ricominciare a essere una realtà oggettiva. Ci potrebbero volere settimana, che a questo punto si prospettano fatte di una vivace polemica politica.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Coronavirus in Piemonte, 11 decessi, 1550 contagiati rispetto a ieri

Undici i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 0 verificatosi oggi...

Chiusura Suk, Grimaldi attacca Ricca: “Una pagliacciata che può far scoppiare bomba sociale”

Dopo l'annuncio dell'assessore alla Sicurezza della Regione Piemonte Fabrizio Ricca di far chiudere entro metà novembre il mercato di libero scambio, il...

La 4: viaggio nei quartieri Campidoglio, San Donato e Parella

E' tra le più “piccole”, se così si può definire una circoscrizione con poco meno di centomila abitanti, che a differenza delle...

Covid, in Piemonte non si fermano i contagi. Sette decessi

Sette decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 1 verificatosi oggi. Il...

M5s, mozione di sfiducia per l’assessore Icardi. La Lega risponde: “Senza di noi non si governa”

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle in Regione Piemonte sfiducia l'assessore alla Sanità Luigi Icardi presentando una mozione al Consiglio in...