20.4 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

L’uso scorretto del cellulare è causa di tumori: la sentenza del tribunale di Ivrea

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’Inail è stata condannata a risarcire un loro dipendente a cui è stato diagnosticato il tumore dopo che per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezione. La sentenza che fa scuola arriva dal tribunale di Ivrea. «Per la prima volta viene riconosciuto un nesso tra l’uso scorretto del cellulare e lo sviluppo un tumore al cervello» dicono gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dopo che a un loro cliente è stata riconosciuta la rendita vitalizia da malattia professionale.
La sentenza è del 30 marzo ed è stata emessa dal giudice del lavoro del tribunale eporediese Luca Fadda. Al dipendente è stato riscontrato un tumore benigno ma invalidante. «Speriamo che la sentenza spinga ad una campagna di sensibilizzazione che in Italia non c’è ancora» spiega l’avvocato Bertone che aggiunge «come studio abbiamo aperto il sito www.neuronomy.info dove gli utenti possono trovare anche consigli sull’utilizzo corretto del telefonino».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano