17.2 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

Lo Russo,su Irpef chiesto sacrificio a chi può farlo 

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“La delibera approvata ieri relativa all’addizionale Irpef avrà un impatto rilevante per il 28% dei torinesi, non sono certo contento di doverla applicare, non era sicuramente una mia priorità, ma purtroppo credo sia una necessità”. Lo ha affermato il sindaco Stefano Lo Russo, a margine dell’inaugurazione di una nuova palestra riabilitativa di Casa Ugi per bambini con malattie oncologiche.

“Questa misura si rende indispensabile per la situazione attuale del Comune che, in assenza dell’intervento governativo e in assenza di questa misura, sarebbe stato nell’impossibilità di chiudere il bilancio in pareggio e sarebbe andato in pre-dissesto tecnico, il che vuol dire che avremmo dovuto chiudere la stragrande maggioranza dei servizi. Quindi, pur facendo una cosa che ci è costata molto, abbiamo deciso, per senso di responsabilità, di non contrarre ulteriormente i servizi e chiedere un sacrificio alle persone che, a nostro modo di vedere, possono dare una mano per cercare di uscire da una situazione economico finanziaria difficile e dare strutturalità all’azione di rilancio che vogliamo mettere in campo”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano