19 C
Torino
domenica, 20 Settembre 2020

Laus boccia il metodo Chiamparino e difende il Partito

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’occasione è quella di un saluto e un ringraziamento ai giornalisti prima di lasciare la presidenza di Palazzo Lascaris per la nuova avventura romana, il luogo è il suo ufficio di Presidente del Consiglio regionale. E tra un caffè e un pasticcino Mauro Laus non si lascia sfuggire l’opportunità di rispondere alla lettera pubblica di Sergio Chiamparino, «il mio Presidente». E lo fa, precisa, «da ragazzo dell’ultimo banco» cercando di chiarire quelle che ritiene delle contraddizioni contenute nella missiva del Presidente della Giunta regionale.
«Candidare alle regionali del prossimo anno personalità esterne alla politica come il primario Mauro Salizzoni, è un errore di metodo, oltre che una mancanza di rispetto nei confronti del partito – esordisce senza indugi Laus – La tabella di marcia è sbagliata, non si parte dal nome senza coordinarsi con gli organi di partito. Non può essere Chiamparino a dare le carte e certamente questo suo modo di fare non giova a potenziali validi candidati i cui nomi vengono settimanalmente buttati nella mischia senza alcuna condivisione. Diverso è se Chiamparino avesse accettato di ricandidarsi quando gli è stato chiesto tempo fa. Sicuramente sarebbe stata una risorsa preziosa ma ora è tardi, candidarsi oggi vorrebbe dire non renderebbe un buon servizio alla comunità e comunque sarei pronto a sfidarlo alle primarie».
«Dobbiamo affacciarci alle prossime regionali – prosegue Laus – consapevoli che un’epoca è finita e che ne inizia un’altra. L’esito delle elezioni dello scorso 4 marzo richiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutti, di questa maggioranza, della giunta regionale e del Consiglio. Ci sono assessori regionali che si sono candidati e hanno perso; nel Piemonte 2 non ha perso Renzi ma noi. Dobbiamo farci carico di quanto accaduto e approfittarne per cambiare passo. Non mi capacito del silenzio di autorevoli dirigenti di partito, cui spetterebbe dire quanto sto dicendo io. Resta il fatto che il presidente, e la giunta stessa, possano dare un importante contributo al partito attraverso atti amministrativi incisivi e proposte politiche basate su presupposti diversi da quelli utilizzati fino a oggi». La Regione Piemonte, a detta di Laus, non è persa o vinta da nessuno. Ogni elezione è una storia a sé. Spetterà al partito e ai cittadini, individuare personalità forti e rivoluzionarie in grado di far riacquistare credibilità al progetto politico del Pd.
Non si fa attendere la risposta del presidente Chiamparino che allo “stop di Laus” replica: «Sono un po’ dispiaciuto di queste dichiarazioni di Laus, perché, come lui ben sa, il nome di Salizzoni è circolato ben prima che io ne sondassi, d’intesa con alcuni esponenti Pd – tra cui il segretario Gariglio e lo stesso Laus- e della coalizione, la disponibilità. Ma al di là di questo, vista la critica radicale all’attività della giunta, e anche a me personalmente, se il pensiero di Laus riflette quello della maggioranza del Partito Democratico, in tutte le sue varie componenti e articolazioni, non vedo più le condizioni per continuare a collaborare con questo gruppo dirigente del partito torinese e piemontese».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...