17.8 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

La viltà delle parole

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Drake
Drake
Sir Francis Drake nato il 13 luglio 1540. Navigatore e corsaro inglese. Collabora con Nuova Società dal 2017, con la rubrica "I corsivi del corsaro". Una leggenda narra che quando si è in pericolo basta battere sul suo tamburo per vedere le vele delle sue navi all'orizzonte e giungere in soccorso.

La storia di Stefano Cucchi e della sua morte provocata da un pestaggio subito a Roma all’interno di una caserma dei carabinieri ha riproposto la qualità morale ed etica delle parole che hanno accompagnato questi lunghi nove anni di ricerca della verità.
Per la stragrande maggioranza dei commenti, privati e pubblici, Stefano era “solo un tossico”. Il che equivaleva a giustificare, in forma neppure velata, che era morto com’era vissuto. Quindi quella fine se l’era meritata.
Un po’ come la celebre frase di Giulio Andreotti su Giorgio Ambrosoli, il liquidatore della Banca privata del mafioso Michele Sindona e da questi fatto uccidere l’11 luglio del 1979. All’epoca Andreotti disse che Ambrosoli “se l’andava cercando“.
Equazione che la viltà usa a 360 gradi e in tutti gli ambiti sociali per demolire chi con coraggio e passione cerca di grattare sotto la superficie per non diventare complice del cinismo e dell’indifferenza.
Era così anche durante gli anni del terrorismo, quando falsi rivoluzionari sparavano alle gambe di dirigenti d’azienda, quadri intermedi, giornalisti, e sottotraccia si percepiva l’eco infamante del giudizio fuorviante: “se lo hanno colpito, qualcosa avrà fatto”.
Ora con la confessione di un carabiniere che assistette al pestaggio, ma non intervenne, né sacrificò il suo quieto vivere per la verità anche in nome della pietas umana, quelle parole corali unite alla frase rivolta dal ministro dell’Interno Matteo Salvini “mi fa schifo” alla sorella di Stefano, Ilaria Cucchi, fanno riaffiorare il degrado cui è giunta la nostra società.
Nonostante questo, la parte sana di una comunità non dirà mai “fate schifo”. Non sarebbe da coraggiosi, ma soltanto un altro inno alla viltà.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...