17.2 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

“La Resistenza nonviolenta”, al Centro Studi Sereno Regis la presentazione del libro di Ettore Ongaro

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Resistenza nonviolenta, un tema spesso dimenticato. Per quasi tutti, infatti, parlare di quel periodo significa riferirsi ai partigiani.
Ettore Ongaro, direttore dell’istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, ha scritto un libro che vuole fare un cambio di prospettiva. S’intitola “Resistenza nonviolenta 1943 – 45” e verrà presentato nella sala Gandhi del Centro Studi Sereno Regis, in via Garibaldi 13.
Il pregiudizio da scardinare, nel settantesimo anniversario della Resistenza, è «superare la distorsione della narrazione storiografica, sedimentata nell’immaginario collettivo, che fa identificare la Resistenza con la minoranza rappresentata dai partigiani ed eclissa la grande maggioranza rappresentata da tutti quei resistenti che non hanno fatto ricorso alle armi». Per questo, «assumere la prospettiva delle lotte nonviolente permette di comprendere e valorizzare in modo del tutto nuovo la grande partecipazione della popolazione a quella rivolta morale e politica che fu la Resistenza. E’ una memoria fertile per il nostro tempo dato che la scelta di opporsi alla tirannia con mezzi nonviolenti è nata dalla scelta delle persone di ascoltare la propria coscienza, di restare umani in un tempo di imbarbarimento».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano