1 C
Torino
giovedì, 27 Gennaio 2022

Il Piemonte vara Piano Sport da 7,5 milioni. Ricca: “Dobbiamo scongiurare chiusura impianti”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Piano triennale dello Sport 2020-22 della Regione Piemonte, scritto prima dell’emergenza Covid-19, avrà un capitolo aggiuntivo dedicato alle misure di sostegno al settore, fra i più colpiti dalle conseguenze del lock-down.

Lo ha annunciato oggi al Consiglio regionale, riunito in videoconferenza, l’assessore allo Sport della Giunta Cirio, Fabrizio Ricca. Il documento illustrato andrà al voto oggi. “Avevamo inizialmente pensato – ha detto Ricca – di dedicare al sostegno straordinario del mondo dello sport 5 milioni e mezzo. Poi, raschiando il fondo del barile con un grande lavoro degli uffici, siamo riusciti ad ad aggiungerne altri 2. Riteniamo che lo sport vada sostenuto in tutto e per tutto, dobbiamo scongiurare la chiusura definitiva di impianti e associazioni”.

“Dei 7,5 milioni – ha spiegato – 4 andranno a bando e saranno destinati a coprire spese vive come bollette, affitti e stipendi, per sopperire alla mancanza di liquidità causata dall’emergenza. Inoltre a ogni associazione sportiva sarà dato 1 euro simbolico in più per ogni atleta tesserato. Altri 2 milioni e 200 mila euro saranno destinati all’adeguamento degli impianti, incluse le palestre perché sport riguarda tutti”. “Lo sport – ha rimarcato – deve ripartire. Siamo certi che questo intervento straordinario sul 2020 potrà dare shock positivo importante al settore. Fino a poco fa ero al telefono con il ministero: stavamo cercando la possibilità di riaprire almeno per gli sport individuali, dove non c’è contatto”. Il Piano triennale, ha sottolineato Ricca, per la prima volta tratta insieme attività sportive e impiantistica. Si rivolge al 36,2% dei piemontesi che praticano sport e alle 12.500 società sportive del territorio, numeri che la Regione vorrebbe incrementare con azioni contro l’abbandono della pratica da parte dei giovani, attenzione ai disabili, incentivi a fare sport anche al di fuori degli impianti sportivi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano