18.2 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Il Comune di Torino torna Si Tav, ma su sito e social promuove il Festival Alta Felicità dei No Tav

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Il Comune di Torino ha celebrato da poco, con il primo tavolo del nuovo Osservatorio, il ritorno della sua amministrazione a guida di Stefano Lo Russo a posizioni favorevoli alla Torino-Lione. Ma ciò non toglie che proprio il portale della Città di Torino dedicato ai giovani promuova il Festival Alta Felicità, ovvero, come loro stessi scrivono sulle pagine social e sul sito, “l’evento estivo del Movimento No Tav”.

Infatti, il portale Torino Giovani, sottopagine dello stesso sito del Comune, di cui riporta anche i loghi, tra gli eventi che i svolgeranno nell’ultimo weekend di luglio ricorda anche il Festival Alta Felicità, dedicandogli una pagina e condividendo la notizia sui social, con tanto di programma della tre giorni di musiche ed eventi e il logo, che rappresenta un No Tav, con bandana al collo, che caccia il treno della Torino-Lione dalla Valle.

Dal 29 al 31 luglio torna il Festival Alta Felicità a Venaus, in Val Susa, l’appuntamento estivo del Movimento No Tav. Tre giorni di musica, cultura, natura e socialità, ma anche di lotte sociali e dibattiti” riportano sul portale che il Comune di Torino ha creato per promuovere occasioni di lavoro, formazione e socialità tra i giovani. 

Non mancano i richiami alla presenza di “ospiti come il Collettivo di Fabbrika Gkn, Eddi Marcucci e Zerocalcare” e alle “gite”: “una ai Mulini della Clarea, dove il Movimento No Tav ha realizzato un Presidio permanente per monitorare il cantiere, e una che si articolerà in diverse tappe passando per sentieri partigiani”. 

Un festival annunciato anche sui social dove si invita a guardare il programma completo. Insomma, se il Comune di Torino è Si Tav, che il suo Innformagiovani sia invece No Tav?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano