18.1 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

I giovani eletti del Pd contro i tagli alle circoscrizioni: “Nuoto per disabili o bocciofile? Sindaca ci dica lei dove tagliare?”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

Contro la riduzione dei budget delle circoscrizioni del 25% scendono in campo i giovani eletti democratici di Torino, che si rivolgono direttamente alla sindaca Chiara Appendino: «Bocciofile o sfalci dell’erba, turismo sociale per anziani o nuoto per disabili. Signora sindaca ci dica lei dove tagliare, decida lei quali di questi servizi sono meno importanti e possono essere sacrificati». Sempre rivolgendosi alla sindaca viene precisato come: «quelle che per lei sono poco più che voci di costo, per noi sono invece associazioni, progetti, persone e bisogni sociali, con una faccia e una voce ben precisi, di fronte ai quali oggi vogliamo dire “ci e vi stanno tagliando a pezzetti”».

Nell’elenco dei settori che potrebbero essere toccati dai tagli vengono indicati anche i progetti di sensibilizzazione e inclusione nelle scuole, gli sportelli di ascolto.

Viene poi espressa dai rappresentanti del Pd torinese un amara considerazione: «Questa amministrazione ci sta chiedendo di scegliere fra le bocciofile e il nuoto disabili, fra il turismo sociale per anziani in difficoltà e i progetti di sensibilizzazione ed inclusione nelle scuole, fra gli sportelli d’ascolto e gli sfalci dell’erba. Questo a noi non va bene, perché questa operazione di dissanguamento che ci condannerà ad una morte lenta e dolorosa, deve venire allo scoperto».

I giovani eletti del Pd evidenziano come le circoscrizioni siano l’ente di prossimità più vicino al cittadino e: «non si può e non si deve scegliere fra questi servizi e progetti, che sono tutti indispensabili (e già ampiamente ridotti dai continui tagli che le Circoscrizioni hanno subito). E lei Sindaca, come si sentirebbe al posto nostro?». Per i giovani eletti democratici questa operazione rappresenta per la sindaca lo: «sgravarsi di alcune scomode voci di costo e liberare delle risorse verso il centro».

La nota è firmata da Eleonora Averna, consigliera circoscrizione 1, Michele Mastrogiacomo, consigliere circoscrizione 2, Ludovica Cioria, consigliera circoscrizione 3, Francesco Daniele, consigliere circoscrizione 3, Marco Titli, consigliere circoscrizione 3, Lorenzo Puliè Repetto, consigliere circoscrizione 4 Marta Palmieri, consigliera circoscrizione 5, Alice Arena, consigliera circoscrizione 5, Alessandro Di Pumpo, consigliere circoscrizione 6, Noemi Petracin, consigliera circoscrizione 8, Lorenzo D’Agostino, consigliere circoscrizione 8.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano