25.7 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Gabrio contesta Appendino e Circoscrizione Pd: “Contro crisi e pandemia solo ipocrisia da parte loro”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il centro sociale occupato e autogestito Gabrio di Torino ha contestato l’amministrazione Appendino e la Circoscrizione del quartiere San Paolo, a guida Partito Democratico, per gli atteggiamenti durante l’emergenza Coronavirus. Uno striscione è stato appeso fuori dal sede della Terza: “Comune circoscrizione. Contro crisi e pandemia solo ipocrisia”. 

Il Gabrio in questi mesi di emergenza ha operato molto creando una rete solidale in zona San Paolo, con la SOS spesa, ovvero la spesa sospesa per le tante persone e le molte famiglie vittime della crisi maturata dall’emergenza. Non solo. Hanno dato una grossa mano ai senza fissa dimora sgomberati da Piazza D’Armi e accampati sotto Palazzo di Città.

Spiegano dal Gabrio: “La fase 2, a Torino, è cominciata con la protesta da parte di alcuni/e senza tetto che sbattuti fuori dal presidio umanitario di piazza d’armi, allestito per fronteggiare l’emergenza freddo per chi vive in strada, hanno organizzato un presidio davanti al comune e nei giardini vicino piazza d’armi. L’amministrazione comunale ha per giorni ignorato sia dal punto di vista sociale che dal punto di vista sanitario la situazione precaria delle persone che hanno passato giorno e notte in presidio”.

“Il presidio è stato sgomberato questo martedì e le persone sono state spostate temporaneamente all’interno del padiglione V di Torino esposizioni, in un luogo che nei mesi invernali ospita giostre e altre attrazioni”.

“Una sistemazione tutt’altro che confortevole dove solo alcuni operatori sanitari avevano il permesso di avere contatti con le persone trattenute all’interno oltre la polizia che aveva la completa gestione di questo carcere speciale sanitario. Solo dopo aver effettuato i tamponi e ottenuti i risultati, i trattenuti sono stati smistati all’interno di varie strutture.

Se in questa situazione, l’amministrazione comunale ha mostrato tutta la propria inumanità, l’opposizione non è stata da meno cercando di fare campagna elettorale sull’emergenza in corso”.

“Ci lascia schifati ma non stupiti l’ipocrita presa di posizione della Circoscrizione 3 a guida PD in favore dei e delle senzatetto reclusi a Torino Esposizioni.

La messa a disposizione di alcuni edifici pubblici per sistemare temporaneamente chi è stat* sgomberato/a da Piazza D’Armi non è altro che la solita mossa di chi da anni propone soluzioni precarie a chi ha già poco, esercitando al contempo esplicite pressioni poliziesche”.

“Non passerete come buon Samaritani in un quartiere dove la speculazione privata è evidente, dove gli amministratori svendono edifici pubblici abbandonati per fare cassa reinvestendo solo le briciole interventi a sostegno del welfare e dell’edilizia popolare.

In questa circoscrizione il prezzo degli affitti è in costante ascesa e le difficoltà abitative di famiglie, di studenti e studentesse fuori sede, delle tante persone disoccupate e precarie vengono sempre vergognosamente ignorate”.

“Ci ricorderemo dei responsabili, di chi specula sulla crisi sanitario-economica, di chi abbandona chi è in difficoltà, di chi ha senza battere ciglio messo a rischio e a volte sacrificato lavoratori e lavoratrici per continuare ad arricchirsi così come non dimenticheremo che per superarla molte sono state le iniziative di autorganizzazione che noi come tanti altri gruppi di persone sparse su tutto il territorio abbiamo creato , preferendo la solidarietà che viene dal basso alla spazzatura che voi lanciate dall’alto”, concludono dal Gabrio.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano