17.5 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

Eternit, sentenza schock. Guariniello: “Noi non demordiamo”. Lutto cittadino a Casale Monferrato

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Schock e indignazione per la sentenza per il processo Eternit, arrivata ieri sera dopo 5 ore di Camera di Consiglio. Come un fulmine a ciel sereno ha annullato tutto senza rinvio, dichiarando prescritto il reato già dal primo grado la sentenza per il magnate svizzero Stephan Schmidheiny. Annullati anche tutti i risarcimenti per gli ex dipendenti ancora malati e per le famiglie delle migliaia di vittime.
L’ennesima ingiustizia per chi dal 1966 al 1986 ha lavorato nei quattro stabilimenti italiani di Casale Monferrato (Alessandria), Cavagnolo (Torino), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli), della multinazionale elvetico-belga, respirando polveri letali di amianto fino ad ammalarsi di mesotelioma pleurico.
«Dire che tutto questo è prescritto, quando in realtà sappiamo che l’apice non è ancora arrivato e sarà solo tra 15 anni, è una cosa paradossale, assurda e che ci fa fare davvero una brutta figura agli occhi del mondo» spiega uno dei legali della difesa Liedholm, che assicura che continueranno a lottare.
«Per altro so che la Procura di Torino sta già pensando a un Eternit bis – continua – e, se il motivo di questa sentenza è la prescrizione, allora si farà un altro processo in cui questa volta verranno contestati gli omicidi» conclude l’avvocato.
Dello stesso parere il procuratore generale Raffaele Guariniello – La Cassazione non si è pronunciata per l’assoluzione. Il reato evidentemente è stato commesso, ed è stato commesso con dolo. Abbiamo quindi spazio per proseguire il nostro procedimento, che abbiamo aperto mesi fa, in cui ipotizziamo l’omicidio».
«Questo non è – ha aggiunto il magistrato – il momento della delusione, ma della ripresa. Noi non demordiamo».
Anche Sergio Chiamparino presidente della Regione Piemonte ha espresso il suo sconcerto e la sua solidarietà: «Non può che destare profonda indignazione il fatto che migliaia e migliaia di persone e famiglie siano private del riconoscimento dei danni e delle responsabilità per ragioni che sono poco più che cavilli burocratici. Quando il diritto cozza con le più elementari ragioni di giustizia è segno che c’è qualcosa di profondo che non funziona nei meccanismi della giustizia italiana. Il danno provocato dagli stabilimenti piemontesi e italiani dell’Eternit – continua Chiamparino – va al di là delle morti finora contabilizzate e allunga la sua ombra sulle generazioni future: alle famiglie delle vittime, alle associazioni che si sono battute in questi anni e a tutti coloro che attendevano un giudizio di giustizia ed equità, conclude – vanno la mia solidarietà il mio sostegno e la mia vicinanza».
Intanto oggi nel Comune più colpito dalla strage dell’amianto, Casale Monferrato, è stato proclamato il lutto cittadino. Mille e settecento i morti, nel paese in provincia di Alessandria e con quasi un morto alla settimana che si registra ancora oggi, perché l’amianto a distanza di anni continua a mietere silenzioso le sue vittime.
Il sindaco di Casale Concetta Palazzetti questa mattina ha scelto di organizzare una catena umana a cui parteciperà insieme ai suoi assessori. Una manifestazione di protesta contro la decisione della Cassazione di ieri sera.
«Non siamo una comunità sconfitta – ha dichiarato il sindaco di Casale Monferrato Palazzetti – Continueremo a batterci perché l’amianto sia bandito a livello internazionale. La sentenza Eternit di condanna è stata annullata per prescrizione non perché il fatto non sia stato commesso».
«Siamo una comunità che comunque ha vinto perché è riuscita a portare a processo con le sole sue forze una multinazionale potentissima e creare notorietà attorno a questo caso»

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano