17.3 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

Esternalizzazioni e pensionamenti: i nuovi assunti non risolvono i problemi di organico del Comune di Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Non bastano le nuove assunzioni in programma nei prossimi tre anni ad arginare il rischio di disservizi ed esternalizzazioni per il Comune di Torino.
Una situazione paradossale denunciata dai sindacati dopo l’incontro di lunedì scorso con l’amministrazione targata Chiara Appendino.

Infatti, nonostante tra il 2019 e il 2021 siano 443 le assunzioni in programma, quasi quattro volte tanto è il personale che andrà in pensione, non risolvendo, ma anzi peggiorando, la situazione di carenza di organico dell’Ente.
Nello specifico il piano triennale delle assunzioni prevede 119 nuovi lavoratori nel 2019 tutti di categoria B e C (tecnici e videoterminalisti) di cui 29 di categorie protette. Salgono a 182 le assunzioni del 2020 con anche 12 dirigenti e 23 lavoratori di categoria D (personale laureato). Mentre nel 2021 saranno 142 i nuovi contratti, con una diminuzione per la categoria B a solo 7 assunzioni.
Come detto 443 nuovi assunti a fronte di 1600 pensionamenti.

- Advertisement -

«Se consideriamo che ad oggi il Comune conta circa 8900 dipendenti (compresi i Dirigenti) questo vuol dire che a inizio 2022 i dipendenti saranno circa 7700. E’ evidente che questo numero non consente al Comune di funzionare», sottolineano i sindacati.

- Advertisement -

D’altronde la carenza di organico tra il personale comunale si è già fatta sentire in particolare nelle anagrafi dove i cittadini sono corretti a code di ore per il semplice rilascio di un certificato. Mentre nei nidi e nelle scuole materne il mancato turn over delle maestre ha costretto le educatrici rimaste a scioperi e proteste sotto Palazzo Civico per chiedere di rimpolpare l’organico.
E se già le proporzioni tra nuovi assunti e pensionati non sono incoraggianti non aiuta nemmeno la Corte dei conti che ha osservato come la situazione numerica del personale del Comune “non è congrua e deve essere ricondotta a numeri più ristrettì”. Tanto che la giunta ha deciso di avviare una procedura ad evidenza pubblica per affidare ad un ente esterno un progetto di riorganizzazione.
«Si dice che si vuole riorganizzare la macchina comunale, però riducendo i numeri dei dipendenti in modo drastico. E il progetto riorganizzativo lo si vuole far fare ad un’ente esterno – spiegano le sigle sindacali – Questo vuol dire che o si considerano incapaci i Dirigenti interni o la politica ha già una sua idea di riorganizzazione ma vuole che sia un ente esterno a dirla per darle una luce di oggettività e liberarsi così dalle proprie responsabilità».
Insomma, più che gioire per le nuove assunzioni c’è da preoccuparsi per il futuro dell’Ente che i sindacati descrivono come «foriero di esternalizzazioni, chiusura di sedi e servizi, peggioramento complessivo delle condizioni di lavoro per i dipendenti e per la qualità dei servizi prestati alla cittadinanza».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...