16.9 C
Torino
domenica, 9 Maggio 2021

Elettrodomestici guasti, l’importanza di assistenza certificata e ricambi originali

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

L’acquisto di un elettrodomestico è un investimento importante, che va ponderato in tutte le sue caratteristiche. Con l’avanzamento tecnologico in commercio vengono immessi prodotti sempre più sofisticati che, proprio per la loro configurazione, spesso basata su sistemi elettronici, sono molto più soggetti a blocchi e malfunzionamenti.

Conviene dunque assicurarsi una garanzia estesa e un’assistenza certificata, così si ha una maggiore fiducia in caso di elettrodomestici guasti. Nelle grandi città è molto probabile che ci siano delle aziende autorizzate dalle case di produzione a svolgere assistenza in garanzia e fuori dalla garanzia. Prima di acquistare un nuovo elettrodomestico è consigliabile dunque di verificare la presenza di un’azienda di supporto per la riparazione di elettrodomestici a Torino e garantirsi così tempi rapidi di risoluzione del problema. 

Assistenza certificata: i vantaggi

Avere un’assistenza certificata è importante perché assicura al consumatore l’intervento di professionisti che per ottenere la certificazione rispettano dei parametri specifici e che quindi hanno delle competenze inerenti al prodotto che stanno trattando. Essendo inoltre affiliati alla casa produttrice, ne rispetteranno anche gli standard qualitativi della customer care e quindi il servizio è molto più probabile che sia immediato e risolutivo.

La garanzia sugli acquisti copre per legge i primi due anni dall’acquisto e anche questo è un tassello importante da far valere. Nel caso di azienda con assistenza certificata, si avranno meno problemi nella gestione del trasporto e della spedizione per l’assistenza. 

L’importanza dei ricambi originali 

Quando si deve effettuare una riparazione, ci sono diverse aziende che propongono ricambi conformi all’originale. Se questa scelta da un lato favorisce il risparmio, dall’altro potrebbe creare anche un danno. Prima quindi di accettare per poter risparmiare sul costo della riparazione è bene riflettere su alcuni aspetti. Se l’elettrodomestico che ha bisogno del ricambio nuovo ha un valore alto, perché rischiare una sostituzione non originale? In caso di ulteriore rottura, la casa produttrice non coprirà l’assistenza, perchè si è intervenuti con pezzi non originali e questo potrebbe farvi perdere ogni diritto di garanzia. Bisogna inoltre valutare quale componente dell’elettrodomestico si va a sostituire. Se è una parte fondamentale per il funzionamento, con un ricambio non originale si rischia di fare qualche danno, soprattutto se siamo di fronte a parti elettroniche. Sui ricambi inoltre si sta lavorando anche per renderli disponibili in minor tempo e garantiti dalle case produttrici. 

Diritto alla riparazione 

Secondo la direttiva europea Ecodesign tutte le aziende produttrici di elettrodomestici devono fornire ai propri clienti i ricambi necessari per i loro prodotti, al fine di scongiurare l’obsolescenza programmata che, oltre a creare ingenti danni economici ai consumatori, ha creato una produzione eccessiva di rifiuti RAEE, che sono un peso soprattutto per il loro smaltimento. Nel 2019 secondo i dati del Global E-waste monitor, lo scorso anno sono state consegnate 53,6 milioni di tonnellate di rifiuti e solo il 17% è stato riciclato. Sono stati inoltre immessi nell’aria 98 milioni di tonnellate di anidride carbonica a causa di riciclaggio inadeguato di frigoriferi e condizionatori d’aria.

L’obiettivo dei prossimi anni è quello di ridurre i consumi immettendo in commercio dispositivi a risparmio energetico e di ridurre gli sprechi, promuovendo la riparazione come un modo per tutelare l’ambiente e dare una seconda possibilità agli oggetti. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano