1.5 C
Torino
venerdì, 4 Dicembre 2020

Didattica a distanza e centri commerciali chiusi nei weekend: Cirio firma nuova ordinanza

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Conferma le indiscrezioni della vigilia Alberto Cirio con la nuova ordinanza firmata per evitare il diffondersi del Covid. 

Didattica a distanza per le scuole superiori dal secondo all’ultimo anno e centri commerciali chiusi nel weekend ad eccezione degli alimentari.

“Questa ordinanza vale per tutto il Piemonte. Servono regole rigorose per evitare un nuovo lockdown generale” ha spiegato Cirio.

Per quanto riguarda le scuole dunque da lunedì tutti gli istituti superiori dovranno prevedere il 50 per cento di didattica a distanza ad eccezione delle classi prime. Una scelta spiega Cirio “legata ai trasporti: dentro gli edifici scolastici c’è la massima sicurezza contro i contagi, ma abbiamo visto scene di bus pieno”. 

Ad essere interessati dall’ordinanza sono 135 mila studenti che andranno in aula a settimane alterne per almeno un mese. “Riduciamo così di 70mila ragazzi il numero di chi ogni giorno prende i mezzi” spiega Cirio. “Crediamo nell’importanza della didattica in presenza soprattutto per i più piccoli e abbiamo scelto di fermare solo la fascia di età che non necessita la presenza di un familiare accanto non intaccando così anche l’organizzazione familiare”.

Da sabato saranno chiusi anche i centri commerciali tranne che per i supermercati. “Sono luoghi in cui si crea assembramento e inoltre noi siamo confinanti con la Lombardia e dobbiamo evitare che eccessivi spostamenti tra le regioni. Ed evitare così la chiusura di ristoranti e parrucchieri”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

A Torino buoni spesa per le famiglie in difficoltà per il Covid dal 9 dicembre

Il Comune di Torino si prepara a distribuire nuovi buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa della seconda ondata Covid....

Covid, primo giorno di lavoro in Piemonte per i medici arrivati da Israele

I medici provenienti da Israele subito al lavoro in Piemonte per dare una mano contro il Covid nell'ospedale di Verduno.La delegazione medica...

Dpcm di Natale, Appendino: “Condivisibile nell’ottica di tutelare sicurezza”

“Non voglio commentare Dpcm che non sono ancora usciti, perchè in questo modo creiamo solo confusione nei cittadini, che hanno bisogno di...

ZTL sospesa fino al 9 gennaio

Prosegue la sospensione della Ztl a Torino. La sindaca Chiara Appendino ha firmato l'ordinanza che prolunga fino al 9 gennaio 2021 la...

Covid, in Piemonte test rapidi per il parenti degli anziani Rsa

Per le feste di Natale dalla Regione Piemonte i test rapidi Covid per chi va a trovare i parenti nelle Rsa del...