21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Dalla Torino-Rivoli la dismissione di immobili per 2,5 milioni di euro. Il Comune mette all’asta altri 13 lotti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Approvata dal Consiglio Comunale di Torino la dismissione di immobili e sedimi siti nel Comune di Collegno (tra cui complessi immobiliari in corso Francia 148 e via XX Settembre) appartenenti al Consorzio Torino-Rivoli Esercizi Autofiloviari (Ctrea), già consorzio per la Tranvia Torino-Rivoli, costituito nel 1909 per gestire la linea di trasporto lungo i 12 km di corso Francia (inaugurata il 17 settembre 1871 come ferroviaria a vapore a scartamento ridotto, diventata poi una tranvia elettrica a scartamento ordinario, inaugurata il 31 ottobre 2014 e in servizio dal successivo 19 novembre sino al dopoguerra, quando venne demolita per essere sostituita, nel 1955, dai filobus).

Con lo scioglimento del Consorzio nel 2013, i beni – utilizzati direttamente dall’ente sino al 1977 e poi da Gtt – sono passati nel patrimonio degli enti consorziati: Comune di Torino e Città Metropolitana di Torino (il Comune di Rivoli era stato estromesso previa sottoscrizione di un verbale di conciliazione).

Ora, i beni saranno messi all’incanto, con il sistema delle offerte segrete, con una base d’asta di Euro 2.592.500 (quota della Città di Torino: Euro 2.244.975,38; la restante quota è della Città Metropolitana di Torino).

Si tratta di sei corpi di fabbrica in corso Francia 148 a Collegno, per un totale di 18.760 metri quadrati e 43.410 metri cubi (che comprendono una palazzina di tre piani, alcuni fabbricati e un capannone industriale che Gtt utilizzava per depositare i mezzi da rottamare), di un complesso immobiliare di 5.430 metri quadrati in via XX Settembre a Collegno e di altri sedimi minori, in parte anche assoggettati nel sottosuolo a servitù di passaggio funzionali al prolungamento del tracciato della linea della metropolitana.

Inoltre in esecuzione del Piano straordinario di alienazione 2018-2021, il Consiglio Comunale di Torino ha deliberato la vendita mediante asta pubblica di 13 lotti di immobili.

I beni sono suddivisi in tre sezioni: immobili messi all’asta per la prima volta (per un totale di 10 lotti, del valore di oltre 3,5 milioni di euro: locali commerciali, alloggi, autorimesse e terreni, tra cui la proprietà superficiaria per 99 anni dell’ex cinema Doria, in via Gramsci, con una base d’asta di 231mila euro); immobili già oggetto di precedenti aste (due lotti: un terreno in corso Regina Margherita 220 a base d’asta di 169mila euro e la proprietà superficiaria per 99 anni della Foresteria Lingotto, con base d’asta ridotta a 9,2 milioni di euro); immobili con vincolo di destinazione a servizio pubblico (un lotto: diritto di superficie e proprietà superficiaria per 99 anni del compendio in corso Farini 20, angolo via Manin, con il vincolo di destinazione a servizi pubblici per almeno 30 anni; base d’asta: 236mila euro).

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano