24.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Cresce il turismo in Piemonte. A Torino più presenze, ma perde il suo appeal culturale

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I dati elaborati dall’Osservatorio turistico regionale, presentati dall’assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi, parlano chiaro: nel 2018 il turismo in Piemonte ha superato per la prima volta i 15 milioni di presenze, l’1,35% in più dell’anno precedente.

Sono stati oltre 5 milioni e 200 mila gli arrivi (+1,86%), +3,63% di arrivi e +4,48% di presenze da parte degli stranieri con picchi nei mesi di marzo e novembre.

Una crescita che prosegue da dieci anni: dal 2009 gli arrivi sono cresciuti di oltre il 36% e le presenze del 30,2%.

Il Piemonte piace nei mesi mesi estivi attraendo oltre il 60% dei flussi. Il 56% dei turisti proviene dall’Italia, il 44% dall’estero. Gli stranieri arrivano soprattutto dalla Germania (22%), seguita da Benelux e Francia (13 e 12%). Da sottolineare che rispetto al 2017 il maggiore aumento riguarda Nord Europa e Regno Unito, Stati Uniti, Russia e Cina. Per quanto riguarda l’Italia crescono i flussi da Liguria e Veneto, ma anche da Emilia Romagna e Puglia.

E cresce anche il turismo a Torino città, che ha superato i 3,8 milioni di presenze (+2,2%) e 1.290.390 di arrivi (+2,1%) con un incremento più significativo della componente straniera (+7,40% di presenze e +7,65% di arrivi). Nel 2018 sono cresciuti del 15,97% gli arrivi in città registrati su Arbnb (167.000).

Ma sul capoluogo piemontese c’è una nota dolente che riguarda la cultura. «Torino sta perdendo il suo appeal culturale e di città con una vita notturna», sostiene l’assessore Antonella Parigi. «Abbiamo registrato un calo dell’11,5% delle Piemonte Card e anche a Venaria le presenze sono in calo. Giusto che Torino lavori per affermarsi come capitale del Piemonte, forte anche sotto il profilo enogastronomico – conclude Parigi – ma non deve perdere la sua posizione culturale perché perderebbe una delle motivazioni su cui ha costruito la sua attrattività turistica».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano