25 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Covid, Raviolo: “Fino a fine marzo per l’Unità di crisi le RSA non erano un problema”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Regione Piemonte avrebbe sottovalutato l’emergenza Rsa nella gestione della crisi Covid durante i mesi del lockdown. Ad affermarlo è Mario Raviolo, l’ex capo dell’unità di crisi regionale, audito oggi in commissione d’inchiesta. 

Lo riporta il : “Mario Raviolo ci ha messo nero su bianco che l’emergenza RSA è arrivata sul tavolo della Regione solo dopo la sua destituzione ovvero il 17 marzo (‘Sono stato destituito da uno che per fortuna ha più competenze di me in campo sanitario, credo faccia il geologo’, si è lasciato sfuggire), mettendo agli atti che, per oltre un mese, delle persone ospiti delle residenze e dei lavoratori impegnati là dentro nessuno si occupava, almeno non in modo organizzato, lasciando al solo Raviolo di occuparsi, in prima persona e con i propri mezzi, delle patate bollenti: Mater Dei di Tortona e la Don Rossi di Villanova di Mondovì”

“E Raviolo oggi era solo come allora, senza nessuno della Giunta che lo affiancasse nel rispondere alle domande che sollecitiamo da mesi – prosegue Grimaldi –: dall’assenza della ricognizione Asl per Asl dei dispositivi di sicurezza, al tema dei tamponi e delle RSA. La prima segnalazione puntuale di gravi problemi riguardo alle case di riposo – ricorda Grimaldi – l’ho fatta direttamente a Icardi il 9 marzo scorso, dopo alcune segnalazioni da parte dei lavoratori. Le opposizioni in Regione, prima in una seduta in Commissione sanità e poi attraverso un comunicato stampa firmato pochi giorni dopo, misero in guardia l’assessorato sul pericolo che le case di riposo, lasciate sole, avrebbero rischiato di pagare un prezzo altissimo. Delle vere e proprie bombe ad orologeria”.

“Che Raviolo metta a verbale, in una seduta dell’indagine conoscitiva sulla gestione Covid in Regione, che nessuno si è occupato delle Case di Riposo e dei più deboli è gravissimo – prosegue Grimaldi – è la conferma dei nostri sospetti: fino alla delibera pasticciata di fine marzo, inviata in bozza e pubblicata con modifiche solo il 10 aprile, l’emergenza RSA in Piemonte era senza guida, era l’unica casella vuota nella catena di comando nell’unità di crisi. Secondo Raviolo, quello era ancora un tema non acuto. Secondo Raviolo, che ha spiegato in una lunga relazione in quale modo la Protezione Civile in quel primo mese ha provato soprattutto a mettere in sicurezza gli ospedali piemontesi, l’organizzazione regionale che stava sopra di lui, non ha rappresentato quello delle RSA come un problema”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano