17.8 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Coronavirus, Scanderebech: “Il Comune di Torino sostenga le attività dei taxi”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è appena conclusa a Torino una commissione consiliare del Comune in cui sostanzialmente si chiedevano chiarimenti sulle barriere protettive installate su alcuni taxi di Torino e veniva posta in discussione una mozione della Consigliera Federica Scanderebech.

“Prendo tristemente atto che il Comune sia diventato un mero passa carte e non abbia la benché minima progettualità, neppure in un momento emergenziale come questo”, commenta Scanderebech.

- Advertisement -

“Auspicavo che, in virtù del momento che stiamo passando, almeno vi fosse un contatto costante e diretto attraverso un tavolo tecnico del Comune con le associazioni di categoria dei taxisti. Apprendo oggi, invece, che da inizio emergenza nulla sia stato promosso, anche al fine di verificare la fattibilità dell’installazione delle barriere di protezione all’interno dei veicoli”.

- Advertisement -

Continua la consigliera Scanderebech: “Ho voluto presentare questa mozione a sostegno dell’iniziativa, emanata con il Decreto 38 della Regione Piemonte del 6 aprile scorso, che prevede che i tassisti, in deroga possano trasportare non solo persone ma anche merce, più nello specifico beni, spesa e medicinali. La Regione sentite le parti prevede la tariffa per l’esecuzione del servizio sia pari al massimo ad Euro 7,50 per il servizio di consegna nel raggio di 2,5 chilometri, al massimo ad Euro 10 per il servizio di singola consegna con ricevimento e recapito nell’ambito del medesimo comune”.

Incalza Scanderebech: “A fronte di ciò ho pensato che il Comune debba essere parte in causa nel promuovere la diffusione dell’iniziativa in vigore fino al 31 luglio, incentivandola, anche con un contributo erogato dal Comune stesso per calmierare la tariffa che va a incidere sull’usufruitore del servizio. Servizio che con un tavolo di lavoro del Comune potrebbe anche prevedere la consegna dei tanti beni alimentari in scadenza o non usati dalle tante attività commerciali chiuse con il lockdown. Chiaramente ciò dovrebbe avvenire seguendo tutti i principi igienico sanitari, gli stessi coi quali dovrebbe essere prevista la consegna a domicilio della spesa”.

“Il principio generale è nell’individuare tutte le attività che, ricondotte a questa deroga regionale, possano essere svolte ed incentivate per agevolare ed implementare il lavoro dei tassisti in questo periodo emergenziale, a giovarne, infatti, secondo la mia mozione sarebbero non solo i tassisti che potrebbero fare qualche corsa in più, ma anche i fruitori finali del servizio, che con un prezzo più calmierato e sostenuto dal Comune usufruirebbero più spesso del servizio. In questo difficile e drammatico momento vanno valutate, indispensabilmente, tutte le attività che coordinate potrebbero essere messe in campo, senza dimenticarci che la convivenza con il virus sarà ancora impattante”, conclude Scanderebech.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...