24 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Concorso su misura: chiesti 8 mesi di carcere per Valentina Campana, capo di gabinetto del sindaco Lo Russo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Procura di Torino ha chiesto otto mesi di carcere per l’attuale capo di gabinetto del sindaco Stefano Lo Russo, Valentina Campana. L’accusa, in abbreviato, è di turbativa d’asta e riguarda la nomina della Campana come direttrice dell’Urban Lab, il centro studi sulle politiche urbanistiche della città, riconfermata al suo vertice nel 2019 dopo la chiusura di un procedimento di selezione in cui nessuno dei candidati era stato ritenuto idoneo. Un bando a cui lei, terminato il suo incarico di direttrice nel dicembre 2018 non aveva partecipato, ma per il pm Gianfranco Colace, titolare dell’inchiesta, l’affidamento fu pilotato “prevedendo fra i requisiti specifici l’esperienza nell’organizzazione di mostre sui temi della città, dell’architettura e delle trasformazioni urbane, almeno 5 negli ultimi 5 anni. Requisito che lei possedeva in quanto già dipendente di Urban Center Metropolitano e di direttore di Urban Lab”. Alla chiusura della procedura di selezione, nessuno dei candidati era risultato idoneo ed era stata nominata lei. Frutto di un accordo precedente. All’inizio dell’inchiesta Campana figura tra i testimoni e il primo esposto che era stato presentato venne archiviato. Ma a riaprire il caso c’era stata un’intercettazione, registrata nel corso di un’altra inchiesta, in cui si sosteneva che il bando fosse irregolare.
Oltre la Campana ci sono altri tre imputati: l’ex vicesindaco di Torino Guido Montanari, la presidente dell’ente e docente del Politecnico Elena Dellapiana,e il consigliere e funzionario della Compagnia di San Paolo Marco Demarie. Tutti hanno scelto il rito abbreviato. Come detto oggi Valentina Campana è capo di gabinetto del primo cittadino, dopo un altro bando, a cui hanno partecipato in due, vinto da lei dopo la rinuncia dell’altro candidato. Su questo bando si sono accese le polemiche, sollevate dal capogruppo del Movimento Cinque Stelle Andrea Russi. E non è escluso che possa esserci anche in questo caso la presentazione di un esposto.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano