13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Com’è cambiato il mercato: l’Italia spende meno della seconda serie inglese

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I dati sono impietosi: nell’ultimo mercato invernale, l’acquisto più costoso della Serie A è stato Pol Lirola del Sassuolo. Prezzo? 7 milioni di euro
Il mercato sta cambiando. Pardon: è già cambiato. Nel senso che del dominio italiano se n’è parlato e mai più se ne riparlerà: il mondo cambia e lo fa anche il calciomercato. E come accade ormai da quasi un decennio, la Serie A si ferma nella finestra invernale di calciomercato. Che in Europa regala sempre più spettacolo, ma nel Bel Paese no: come se s’immobilizzasse tutto. Del resto, l’unica squadra con facoltà economiche degne dei top club, la Juventus, non ha avuto bisogno di rattoppi: anzi, è stata la squadra che ha venduto di più e meglio. Dunque, attirare giocatori forti e di qualità in Serie A diventa estremamente complicato.
Coutinho e Lirola: sono loro i volti di questo calciomercato. Ma quali sono stati i movimenti di mercato di questa finestra d’inizio 2018? Come illustra nel dettaglio uno studio sulla finestra invernale del calciomercato elaborato dalla redazione sportiva di Bwin Sports, i maggiori capitali si muovono altrove, non in Italia: scontato dire Premier League, ma attenzione anche al campionato francese. Che sta bene, ed è in crescita. Bundes e Liga d’altra categoria, come il campionato inglese.
A proposito di Premier League: Manchester City e colleghi hanno speso la bellezza di 460 milioni, incassandone quasi 100 in meno (368 mln), con un saldo di -92,75 milioni. Inarrivabili. Soprattutto se si considera che la Liga, secondo campionato, ha praticamente speso e incassato la metà: 276 milioni usciti e 163 rientrati. Il saldo? 113 milioni, ma lì c’è qualcuno che se lo può permettere. Esattamente come in Cina, con 60 milioni di spesa e soli 5 milioni d’incassi. Prima della Super League c’è però la Bundesliga: da buoni tedeschi, hanno l’unico saldo della top5 in positivo: più 39 milioni dall’alto dei 72 spesi e i 112 incassati. Aubameyang ha dato una mano clamorosa: i 60 milioni dell’Arsenal una vera manna dal cielo. Chiude la mini classifica la Ligue1 francese, con i 21 milioni spesi per Pellegri dal Monaco e i 28 incassati per Lucas Moura, passato al Tottenham dal Paris Saint Germain.
L’Italia? Addirittura nona, dopo la Primera División argentina, la Major League Soccer e anche la Championship inglese (seconda serie britannica). In Serie A, infatti, si è speso appena 24 milioni di euro, con un guadagno di 51 milioni dall’alto dei 76,50 incassati. Il più pagato? Pol Lirola, terzino della Juventus passato al Sassuolo per 7 milioni; la cessione eccellente è stata invece quella di Pietro Pellegri ai monegaschi.
Peggio, e di pochissimo, solo il Campeonato Brasileiro. E sono dati che sorprendono, ma fino a un certo punto: nell’ultima edizione del mercato di A, tantissimi sono stati i prestiti con diritto oppure obbligo di riscatto. La radice del problema sta nella mancanza di disponibilità dei club italiani, non in grado di affrontare spese importanti a metà stagione. E meno soldi girano, più cresce l’impossibilità di portare a casa i Diego Costa o gli Aubameyang di turno. Insomma, puntare a Marte sembra impossibile, ma anche approdare sulla Luna è diventato esageratamente complesso.
Chissà se un giorno l’Italia tornerà a competere ad altissimi livelli. Per ora in campo si nota la differenza, eccome. Idee e sotterfugi da mercatari possono aiutare, ma non risolvono un bel nulla: serve tornare ad investire nelle strutture e nei settori giovanili. Talento ce n’è. Ce ne sarà sempre, probabilmente. Facciamolo fruttare.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano